I murales di Giorgio Polo sono un omaggio alla Sardegna. orgoglio isolano nella lontana Melbourne

di Pietro Schirru

 

Esattamente un mese dopo l’inaugurazione del murale dipinto dall’artista sardo Giorgio Polo nell’atrio dell’ingresso superiore del Centro Culturale dell’Italian Forum, sono tornato ad ammirarlo, da solo e in silenzio. Ebbene, malgrado avessi seguito quasi giorno per giorno l’evoluzione dell’opera, sbagliavo pensando di non potervi trovare nulla di nuovo. Rivederlo è stato come riscoprirne tutti i magnifici misteriosi significati che l’artista ha saputo trasfondere nel murale. La Dea Madre – scelta da Giorgio Polo come soggetto dominante – che rappresenta la terra nella sua accezione più completa, umanità compresa, appartiene sì alla simbologia più antica delle divinità sarde, ma nello stesso tempo si allaccia a tutte le culture senza soluzione di continuità ed espande, attraverso la capigliatura della stilizzata figura femminile, tutta la sua universalità costituita appunto dalla Terra, dalla quale tutto deriva. Occorre dire grazie alla Regione Autonoma della Sardegna che ha finanziato il progetto presentato dai Circoli Sardi in Australia.
La politica di diffusione della cultura, della storia e della Sardegna, ricca di tradizioni antiche ma anche moderna e dinamica di oggi bene si riflette nell’azione della Regione e in particolar modo dell’assessorato del Lavoro, da cui dipende il servizio Emigrazione e Immigrazione. I tre murali eseguiti nelle città di Melbourne, Brisbane e Sydney, cui si è aggiunto anche un quarto murale a Canberra, sono un prezioso regalo della Sardegna all’Australia. I giornali italiani in Australia, "La Fiamma" e "Il Globo", hanno avuto grande disponibilità nel pubblicizzare gli eventi e per riproporre oggi una carrellata di foto dei momenti più significativi della cerimonia di inaugurazione. Ad inaugurare il murale a Sydney è stata l’on. Angela D’Amore. Hanno anche partecipato, il console generale d’Italia, Benedetto Latteri, il sindaco di Leichhardt, Jamie Parker e Francesco Giacobbe, padrone di casa, nella sua carica di presidente dell’Italian Forum Limited.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *