Concorso letterario organizzato dal circolo sardo "Grazia Deledda" di Mar de Plata (Argentina)

ci riferisce Loredana Manca

 

Le Opere (di genere narrativo con leggende, miti e racconti tradizionali / popolari) dovranno adattarsi a chiunque delle caratteristiche della Classificazione dettagliata.  

Scritte in lingua spagnola, a macchina o calcolatrice, a doppio spazio e di un solo viso della carta. Foglia tale A 4, lettera Times New Roman, N° 12.

Presentare per Duplicato e firmare con Pseudonimo.

Allegare i dati dell’autore o autrice: Nome e Cognome, Direzione, Telefono, E-mail, Scuola y/o Scuola alla quale appartiene, Corso, Titolo di la/s Obra/s, Pseudonimo. 

Estensione massima: quattro facciate. – 

Si potranno inviare due (2) Operi per partecipante.

È diretto ad alunni di 1º, 2º e 3º Anno Di ESB.  

Accoglienza dei Lavori: d’ Agosto fino a Novembre del 2009 compreso, nella Sede del Circolo Sardo, situato in strada Spagna N° 3776 – Mar del Plata ,

Tel:  (0223) 474-6931, e-mail: sardimdq@speedy.com.ar, di lunedì a venerdì da 16:30 a 20:30 hs. –     

 

Premi:   

Avrà solo un 1º Premio. Riproduttore di Musica.

2º e 3º Premio Borse di studio per lo studio della lingua italiana. 

    

MENZIONI  

La Giuriasi pronuncerà alla fine di novembre, prenotandosi il diritto di concedere Menzioni Speciali, rimanendo a carico dell’Entità Organizzatore l’informazione sul risultato finale.    Dirigera la Giuria l’Insegnante María Strella.

I Vincitori non potranno partecipare con gli stessi Testi a nuovi Concorsi.

Partendo dell’Anno 2008, si devono utilizzare nell’Opera, con carattere obbligatorio certi riferimenti all’Italia e in particolare alla Sardegna. 

La Giuria suggerisce ai partecipanti "Ricreare racconti che raccolgano la tradizione di determinata zona o posto dell’Italia o Sardegna. 

L’Obiettivo centrale di questo concorso è promuovere e fomentare la creazione letteraria, l’interesse per la lettura e l’interculturalidad in tutti i livelli educativi.   Incentivare la Creatività nei giovani, principalmente motivare l’abitudine di lettura nella gioventù. Anche affinché rimanga aperto un gradito spazio di interrelazione argentino – italiana per future realizzazioni dove i protagonisti siano sempre i giovani. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *