Diecimila persone all'isola d'Elba per seguire le "Giornate della Sardegna"



di Cristina Cucca
 

Oltre 10mila persone, fra sardi, elbani e turisti, hanno partecipato alle “Giornate della Sardegna” organizzate dall’Associazione Culturale Sarda “Bruno Cucca” a Portoferraio, capoluogo dell’Isola d’Elba, il 13 e 14 giugno scorso. La due giorni di iniziative ha potuto contare sulla collaborazione e il sostegno del Comune di Portoferraio e della Provincia e del Comune di Oristano. A rappresentare le istituzioni sarde in terra elbana sono stati gli assessori provinciali Serafino Corrias e Mario Matta, al fianco dell’imponente macchina organizzativa messa in piedi dall’Associazione. Alla fine le due “Giornate della Sardegna” sono state un successo oltre ogni aspettativa. Il primo assaggio dell’iniziativa patrocinata dalla Regione Sardegna, si è avuto il sabato con l’apertura degli stand enogastronomici e il coinvolgente concerto di Maria Giovanna Cherchi. Poco dopo le 20, Piazza della Repubblica, nel centro storico della cinquecentesca città di Cosimo de’ Medici, è stata “presa d’assalto” da migliaia di persone. Secondo la stima dell’organizzazione sono accorsi in 5mila a gustare i prodotti tipici e le specialità della cucina tradizionale sarda. Un pubblico da grandi occasioni ha accolto con partecipazione e applaudito fin oltre la mezzanotte Maria Giovanna Cherchi. La cantante etno-folk, a ragione considerata l’erede di Maria Carta, ha incantato la folta platea con la potenza della sua voce e la poesia delle sue canzoni. La Cherchi ha fatto palpitare il cuore di ogni sardo presente in piazza con “Mediterranea” e “Nanneddu meu”, ha evocato ricordi d’infanzia con “A su duru duru”, ha commosso con l’Ave Maria in limba cantata tra il pubblico. Una professionista che ha saputo trasferire le emozioni di un’isola che tiene sempre “per mano” i propri contarranei, anche se sradicati dalla propria terra. Come è per gli oltre 1500 emigrati sardi che vivono da anni all’Elba. «Come Provincia», ha spiegato l’assessore oristanese Corrias nel corso della serata, «abbiamo contribuito con gioia a far sì che questo evento potesse svolgersi. Lo abbiamo fatto perché vogliamo costruire quel ponte ideale con voi che siete qui all’Elba ma che non avete mai rotto il cordone che vi lega alla Sardegna». Dalla dolcezza della musica di Maria Giovanna Cherchi, accompagnata da Tore Nieddu e Paolo Poddighe, all’irruenza dei cavallini della Giara di Gesturi e alle pariglie dei cavalieri del Giara Club Is Pariglias. Il 14 giugno, infatti, è stato il giorno della Sartigliedda di Oristano. La spettacolare giostra equestre si è svolta ai piedi delle monumentali Fortezze Medicee lungo una pista di 200 metri, realizzata in meno di quattro ore per accogliere le acrobazie dei 14 cavalieri sbarcati a Portoferraio. Preceduti, come tradizione vuole, da uno stuolo di tamburini. In 6mila hanno assistito alla corsa alla stella, preceduta dalla cerimonia della vestizione de su componidoreddu, nella lussureggiante cornice dei giardini delle Ghiaie, a meno di 50 metri dal mare. Il torneo ha ripagato il pubblico con uno spettacolo indimenticabile, sei stelle centrate e acrobatiche evoluzioni fino all’inbrunire. Una gioia immensa per l’Associazione Bruno Cucca. Il presidente Claudio Monni e il vice Patrizia Cucca hanno avuto parole di gratitudine per il Giara Club Is Pariglia e per il suo presidente Antonio Casu e per la Provincia di Oristano, che hanno «risposto senza esitare» alla richiesta dell’Associazione, costituita nel 2007 per «rinsaldare» il ponte tra i “sardi dell’Elba” e la Sardegna, terra di origine di Bruno Cucca, il giovane imprenditore sardo a cui è intitolata l’Associazione. «Bruno amava moltissimo la sua terra, ma amava moltissimo anche l’Elba», ha commentato Patrizia Cucca. Grato dello spettacolo offerto anche il sindaco di Portoferraio Roberto Peria. Al suo fianco, sul palco che ospitava Enrico Fiori, commentatore ufficiale della Sartiglia, anche gli assessori provinciali di Oristano, Corrias e Matta. Proprio Corrias e Matta la mattina del 14 giugno hanno visitato il sito archeologico della Villa Romana delle Grotte, a Portoferraio, e ammirato le bellezze paesaggistiche e naturalistiche dell’Elba occidentale. Nel pomeriggio del giorno precedente, i due assessori della Provincia di Oristano sono stati accompagnati dall’assessore Paolo Andreoli e dal vice presidente Patrizia Cucca in visita al Forte Falcone, eretto nel 1500 da Cosimo de’ Medici Granduca di Toscana.

2 risposte a “Diecimila persone all'isola d'Elba per seguire le "Giornate della Sardegna"”

  1. vorrei mettermi in contatto con voi per avere più informazioni sulla manifestazione. conosco alcuni cori della sardegna che sarebbero interessati a partecipare alla manifestazione a titolo gratuito. saluti serni luigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *