Accorrete pubblico nella Sardegna differente fra cespugli di mirto e centrali nucleari

di Francesca Madrigali

 

"La Sardegna è l’area italiana migliore per la costruzione di centrali nucleari, perché è la più stabile dal punto di vista sismico", ha riferito Enzo Boschi, presidente dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) durante una audizione davanti alla commissione Territorio e ambiente del Senato. L’audizione è un momento nel quale il Parlamento comincia a farsi delle idee precise su un problema, ascoltando i tecnici di settore prima di esaminare disegni di legge del Governo o proposte di deputati e senatori. Il prof. Boschi, tempestivamente raggiunto al telefono da Radio Press, sembrava perfino un po’ spaventato, ha perfino commentato: "io non ho mai detto che …. ho spiegato soltanto che … non vorrei sembrare un nemico dei sardi, perché so che non ne volete". Forse pensava a sanguinosi regolamenti di conti a colpi di leppa, senza sapere che anche in Sardegna vige l’usanza di risolvere tutto, alla fin fine, a pabassini e vernaccia di Oristano (l’equivalente "identitatario" dei tarallucci e vino di popolana saggezza). Comunque. Che la Sardegna fosse l’ideale l’avevamo già capito: poca gente, pochissima sismicità, e anche se ci potrebbe essere qualche problemino logistico di trasporto, insomma perfino noi profani possiamo immaginare che un incidente che avviene su un’isola è assai più facilmente gestibile, no? Quindi, una nota per gli appassionati della "diversità" della Sardegna, o come ha scritto qualche giorno fa Michele Serra su Repubblica (pezzo segnalatomi non da un indipendententista sardo ma da un amico della Valtellina), della nostra "alterità" rispetto agli italiani: "La regione Sardegna è una zona con una storia geologica completamente diversa dal resto dell’Italia. Si potrebbero fare tutte e quattro le centrali nucleari che il governo intende costruire lì, anche se poi bisognerebbe risolvere il problema del trasferimento dell’energia". Eh sì, siamo completamente diversi: una terra antica, stabile, accogliente. Anche per le possibili "servitù nucleari". Vorrò vedere allora gli entusiasti sostenitori delle "magnifiche sorti e progressive" della Sardegna – il turismo, per esempio: chi non vorrebbe venire a farsi le vacanze in una terra selvaggia, fra un cespuglio di mirto, un cielo terso e un bel cilindrone in cemento armato (noo, non è l’ennesimo albergo, è la centrale!) ?- entusiasmarsi ancora, sicuramente per quello che è l’argomento principe dell’uomo della strada quando si parla di nucleare: "Cioè, ma ti rendi conto di quanto risparmieremmo in bolletta???" Non posso riportare i pensieri e parole che mi vengono in mente ogni volta che sento questo festival della banalità. So che io le centrali nucleari non le voglio, ma non per quella simpatica sindrome NIMBY ("not in my backyard", non nel mio giardino) che ha colto tanti miei conterranei quando la Sardegna ha accettato i rifiuti campani. In quel caso era soprattutto gente che non ha mai nemmeno voluto fare la raccolta differenziata in vita sua perché "mi stresso", e che solo per questo meriterebbe di avercele sotto casa, le scorie non smaltibili. Nel mio caso, e in quello di molti altri, è che il nucleare proprio non lo vogliamo, né nel nostro giardino né da nessun’altra parte, perché è tutto sbagliato. E’ una visione del mondo che non condividiamo, fatta di crescita di qualsiasi cosa: consumi, rifiuti, pericoli, manipolazioni, distruzioni irreversibili dell’ambiente, che va in direzione opposta a quella in cui è necessario andare. E’ necessario, non soltanto per la crisi economica ma anche per una questione di vitalità della razza umana, diminuire: le auto, gli imballaggi, gli sprechi, tornare a una austerity più consapevole.

Una risposta a “Accorrete pubblico nella Sardegna differente fra cespugli di mirto e centrali nucleari”

  1. Bell’articolo, complimenti.

    E’ vero, assolutamente vero che noi sardi, queli veri con la S maiuscola NON vogliono le Centrali Nucleari nella propria isola, pertanto faranno certamente di tutto perché cio non avvenga. Il solo pensiero di averne non una, ma due, tre o addirittura quattro “bombe atomiche” (le Centrali) che gravitano pericolosamente mortali, come una Spada di Damocle sulle nostre teste, non ci rassicura affatto. NON le vogliamo assolutamente.

    Abbiamo dimenticato troppo in fretta, evvidentemente, il caso Cernobyl, come quello di Caorso oppure i recentissimi casi in Franca, Evidentemente la maggior parte delle persone non tiene d’acconto le false promesse fatte durante la campagna elettorale. Capellacci, infatti, in quei giorni ha detto che perché cio avvenisse, bisognerebe passare sul suo cadavere…. ebbene, HA MENTITO SPUDORATAMENTE, perché ha sempre saputo che se il Governo Centrale stabilisce che se nell’interesse dell’intera Nazione queste servano, essendo la Sardegna la terra più sicura perché considerata assismica, l’isola di Sardegna le ospiterà tutte e quattro. e magari una o due di più. E i fumi tossici?, le scorie, e quant’altro, le portano forse a casa dei ministri? Certamente NO. Le terremo nella nostra terra, o magari verranno sepolte in mare… Chissà, forse si aspetta che nel tempo a causa della corrosione dei copmartimenti stagni dove verranno poste le scorie,si lacerino e le verie sostanze colorino il mare che da trsparente, cristallino e del verde smeraldo classico della maggior paret dele coste. si trasformi in un caleidoscopio di cromatismi rosso sangue, gialo limone e chissà quali altre tinte potrà assumere per l’occasione…. certo fantasmagoriche ma essenzialmente mortali… Non Ha insengnato nulla, evidentemente, il caso “Sindrome di Quirra” dove a causa del particolato (le polveri sottili) carico di Torio e di mille altre venefiche sostanze continuano a far nascere bimbi macrocefali e magari senza arti.. mostruosità inennarrabili che non trovano riscontro tra le stesse presenti nel Cotolengo. Le vergogne allucinanti con le quali ci hanno impastoiato (le promesse elettorali ripetute oramai da sempre con la stessa solfa) certamente non ci consolano e non ci rasserenano. La VERITA’ è sotto i nostri occhi,vergognosamente lampante.

    Ci lasceremo prendere per i fondelli ancora a lungo?

    Un cittadino incazzato nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *