Il libro "Stella insanguinata" di Marco Porcu presentato dal circolo "Sardegna" di Monza

di Salvatore Carta

 

Ha suscitato molto interesse,la presentazione dell’ultimo libro di Marco Porcu, "Stella insanguinata". Un giallo pieno di suspence, ambientato nella Sartiglia di Oristano,la centenaria Giostra equestre, che si corre da 456 anni, l’ultima domenica e martedì di Carnevale. L’iniziativa Culturale,promossa dal Circolo Culturale "Sardegna" di Concorezzo – Vimercate – Monza, faceva da complemento alla Mostra sulle Maschere della Sardegna e del Mondo di Concorezzo, nella prestigiosa Sala Mostre di Villa Zoia, con 120 foto giganti della Sartiglia di Oristano, realizzate dal fotocronista monzese,Fabrizio Radaelli. Dopo i saluti di rito e le presentazioni, da parte del presidente del Circolo Sardegna, Salvatore Carta, del Prof. Marco Porcu di Oristano, dell’Assessore alla Cultura del Comune di Concorezzo e del Giornalista sardo Gianpiero Pinna, il Prof. Marco Porcu, ha illustrato sinteticamente la Sartiglia di Oristano. "Stella Insanguinata" ha detto Marco Porcu,è la storia di una famiglia di gente sarda sfortunata e perseguitata dalla mala sorte che, per pura casualità, finisce a Oristano dove compra casa, crea un allevamento di cavalli e i giovani mettono su famiglia. Un componente di questa famiglia, sin dalla nascita appassionato di cavalli, eccellente cavaliere, cultore della grande giostra equestre, viene addirittura chiamato a Capo Corsa, a "Componidori". La pubblicazione quindi, riporta la storia della Sartiglia, partendo dalle origini, nelle espressioni "liturgiche", significati ancestrali, propiziatori e scaramantici, del sacro e del profano che straordinariamente si incontrano e che si fondono in una sola incredibile credenza. Nondimeno, riporta la cronaca nera, giudiziaria, rosa e bianca italiana degli anni ’70 e ’80 e la storia d’Algeria e del Marocco di quei tempi. Non manca certamente l’ingrediente indispensabile della sorpresa che condisce un libro "giallo": l’immancabile assassino e l’assassinato, il buono e il cattivo, il bello e il brutto. E’ un volume di 140 pagine corredato di fotografie, di lettura scorrevole, piacevole da leggere, che induce il lettore a leggerlo tutto d’un fiato. Scambio di doni poi, offerti dal Comune di Oristano, dalla Provincia di Oristano, dal Comune di Concorezzo e dalla Provincia di Monza e Brianza. Il pubblico presente,molto attento e interessato ha posto delle domande sulla Sartiglia e sul significato della figura de Su Compoidori – Capo Corsa e su cosa vuol dire infilzare la stella con la spada,con il cavallo in corsa sfrenata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *