Dal 15 al 18 ottobre allo "Smau" di Milano è presente "Sardegna Ricerche"

ricerca redazionale

 

Per il secondo anno consecutivo Sardegna Ricerche partecipa allo Smau, dal 15 al 18 ottobre presso il polo fieristico di Milano City, con uno spazio espositivo dedicato al Distretto tecnologico sardo delle ICT "Sardegna DistrICT" e alle aziende e centri di ricerca che sviluppano applicazioni avanzate per Internet. L’ente pubblico regionale per la ricerca e l’innovazione tecnologica sarà presente nell’area dedicata ai Percorsi dell’Innovazione, iniziativa ideata da Smau e Nòva24-Il Sole 24 Ore per valorizzare le punte di eccellenza dell’Innovazione "made in Italy". Nella giornata di mercoledì 15 ottobre, alle ore 17.00 nel padiglione 1, Giuliano Murgia, presidente di Sardegna Ricerche presenterà: "Sardegna DistrICT, il distretto ICT in Sardegna". Sardegna DistrICT è un’iniziativa della Regione Autonoma della Sardegna e nasce per favorire la collaborazione tra centri di ricerca, università e imprese che operano nel settore dell’high tech. Punto focale del distretto sono nove laboratori tecnologici, vere e proprie "palestre" di ricerca, sviluppo e sperimentazione, localizzati nel parco tecnologico di Pula (Cagliari) dove vengono prodotti applicazioni e servizi innovativi ad alto potenziale di crescita. Nello stand di Sardegna Ricerche saranno presenti i laboratori tecnologici di Sardegna DistrICT e 13 realtà regionali operanti nel settore ICT: E-res srl; Cnit; Athena srl; Seawind spa; Oghenoa srl; Arionline srl/A.p. Systems srl; Axis Strategic Vision srl; Ingenia srl; Metso srl; S.bio-T. sas; Inftel srl; Applidea editrice srl; FlossLab srl; Dipartimento di Matematica dell’università di Cagliari; Stelnet srl. I laboratori tecnologici del distretto Sardegna DistrICT, presenti allo Smau sono: il laboratorio Open Media Center, il cui obiettivo è la promozione e lo sviluppo di progetti di ricerca industriale nei campi dell’home entertainment, home automation e delle interfacce uomo-macchina con una particolare attenzione alla usabilità e interazione tecnologica con il mondo open source; il laboratorio di Telemicroscopia industriale, che si propone come obiettivo principale la realizzazione di una rete web based per la condivisione di strumenti scientifici e risorse in remoto; il laboratorio GeoWeb e Mobile User, che si occupa di sviluppare nuove modalità di interazione e interfacce utente per il geo-browsing, di accedere alle risorse geo-referenziate tramite dispositivi mobili (integrazione di rete, fotocamera e Gps), di sviluppare web services e mashup per l’integrazione di informazioni provenienti da sorgenti diverse; il laboratorio di TV collaborativa multi-piattaforma, la cui idea è quella di estendere al contesto televisivo il modello partecipativo di produzione dei contenuti che caratterizza le applicazioni Web 2.0, realizzando e sperimentando delle piattaforme tecnologiche che consentano di attuare tale modello; il laboratorio Produzione di prototipi e nuovi format di contenuti digitali, che intende valorizzare, attraverso la tecnologia, la partecipazione, la creatività, il talento e l’innovazione nel campo dei nuovi media, incoraggiare la sperimentazione e la validazione di nuovi format e nuovi modelli di produzione, distribuzione e fruizione dei contenuti; il laboratorio ICT per la medicina, le cui attività riguardano tecniche innovative per l’acquisizione di dati e l’analisi visuale in ambito clinico, pre-operatorio e chirurgico; tecnologie avanzate per la creazione di infrastrutture distribuite per applicazioni cliniche; tecnologie computazionali per l’analisi di dati provenienti da apparati ad alta processività; il laboratorio di Intelligenza d’Ambiente, si occupa dello sviluppo e della sperimentazione di alcune tecnologie abilitanti (sistemi di visione artificiale, sistemi intelligenti, tecnologie biometriche e multimediali, video sorveglianza, Rfid) per la creazione di ambienti intelligenti; il laboratorio di Visualizzazione di modelli 3D complessi infine, ha come fine l’innovazione e il trasferimento tecnologico di risultati di ricerca attraverso attività dimostrative, formazione, e sviluppo di prototipi software; in particolare si occuperà di acquisire, processare, archiviare, distribuire, visualizzare e riprodurre modelli 3D complessi, della produzione di modelli fisici e della visualizzazione geografica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *