L’AMORE PER LA VITA E CONTRO LE INGIUSTIZIE NEL MONDO: IN MEMORIA DELL’AMICA FRANCESCA MEREU

Francesca Mereu nella foto di Roger Stephenson

di REBECCA LIPSCOMB

Francesca Mereu nasce l’8 agosto 1965, a Irgòli, caratteristica cittadina sul versante orientale dell’isola italiana della Sardegna, nel cuore del Mediterraneo. È morta il 24 giugno 2022, a Tijuana, Messico. Francesca ha vissuto gioiosamente e portava felicità a tutti quelli che la conoscevano. Lei era innamorata della vita e ha reso ogni momento importante.

L’infanzia di Francesca è stata idilliaca. L’amore incondizionato che ha ricevuto dalla sua famiglia le hanno dato la fiducia di avventurarsi nel mondo. Francesca voleva avventura. Durante il liceo, si è innamorata della letteratura russa e ha scelto di laurearsi in russo e inglese all’Università di Firenze per poter leggere le sue opere preferite nella loro lingua originale.

Mentre lavorava al master a metà degli anni ’90, Francesca ha vinto una borsa di studio per studiare russo all’Università di Mosca. Il comunismo era crollato, così come l’economia. Il futuro del paese era incerto, ma i giovani erano entusiasti di una nuova Russia, e Mosca era piena di studenti internazionali. Francesca si è innamorata di Mosca, e poi lei e Sergey Vasilyev si sono innamorati l’uno dell’altro. Sergey stava per laurearsi in fisica quando si sono conosciuti su un autobus sulla strada per l’università. La loro attrazione è stata immediata, e divennero inseparabili. Francesca e Sergey si sono sposati nel 1997 in Russia e sono andati in luna di miele a Irgòli, dove i suoi genitori hanno organizzato una tradizionale cerimonia di matrimonio sarda.

Dopo la laurea, Francesca si è resa conto di non voler diventare una professoressa universitaria. Voleva diventare una giornalista. Ha accettato un lavoro come insegnante presso l’Italo Calvino, la scuola dell’Ambasciata d’Italia a Mosca, e ha seguito giornalismo freelance. Dopo qualche anno di insegnamento, Francesca ha preso posizione scrivendo notizie per Radio Free Europe/Radio Liberty e poi ha trascorso sei anni come giornalista investigativa per The Moscow Times, il primo giornale privato in lingua inglese e russa. “Società” Si è occupata di politica interna e servizi di sicurezza russi, e l’International Herald Tribune, il New York Times, e numerosi giornali italiani hanno pubblicato le sue storie. La sua capacità di riferire oggettivamente e onestamente immersa in situazioni impegnative le ha guadagnato la stima dei suoi colleghi e delle sue fonti. Il suo obiettivo, era servire la sua comunità.

Francesca ha iniziato a praticare yoga mentre era a Mosca come antidoto allo stress, ed è diventata parte essenziale della sua vita spirituale. Ha studiato con B. K. K. S. Iyengar, il fondatore di Iyengar Yoga, e con sua figlia, Geeta Iyengar, al Ramamani Iyengar Memorial Yoga Institute di Pune e con Saraswathi Rangaswamy, figlia di Pattabhi Jois, fondatore di Ashtanga Vinyasa Yoga, presso l’Ashtanga Yoga Istituto di Ricerca a Mysore. Francesca amava l’India – la sua gente, il cibo e la sua cultura – e viaggiava ovunque, ma le è piaciuta soprattutto Mumbai, dove ha trovato un’energia simile a quella delle sue altre due grandi città preferite, Mosca e New York.

Francesca e Sergey hanno vissuto a Mosca fino al 2006, quando il clima politico stava cambiando, e anche loro erano pronti a cambiare. Sergey ha trovato un posto di assistente ricercatore presso l’Università di Dusseldorf, in Germania, e Francesca ha iniziato a lavorare per l’emittente radiofonica tedesca WDR mentre era freelance per i media russi, italiani e americani. Ha anche iniziato a concentrarsi sulla propria scrittura. Il suo primo libro, pubblicato nel 2011, è stato “Putin: L’invenzione della dittatura democratica”, nato dalle sue storie per The Moscow Times.

Nel novembre del 2011, Sergey ha accettato un lavoro presso IPG Photonics, una società di laser in fibra con sede negli Stati Uniti, e la coppia si è trasferita a Birmingham, Alabama. Si innamorarono rapidamente della cultura del Deep South americano e, dopo aver vagato in un juke joint vecchia scuola a Memphis, Tennessee, Francesca si è appassionata al blues. Lei e Sergey sono diventati clienti fissi sulla scena musicale di Birmingham e hanno frequentato Red Wolf, Jazzy’s sulla 1st, Lit on 8th, Carmichael’s, Gip’s Place e altri locali. Nel 2013, quando il juke juke joint di Henry “Gip” Gipson rischiava di essere chiuso, Francesca ha aiutato a convincere il consiglio comunale locale a tenerlo aperto, e lei e Sergey erano clienti abituali lì fino alla morte di Gip, all’età di 99 anni. Viaggiavano regolarmente nel Mississippi per musica, e i numerosi articoli di Francesca sui musicisti del Southern blues sono stati pubblicati, tra gli altri, sulle riviste italiane Il Blues e Il Giornale della Musica. Nel 2015 è entrata a far parte della Magic City Blues Society di Birmingham, e in seguito ha fatto parte del consiglio di amministrazione della MCBS come segretaria. Francesca e Sergey hanno ospitato concerti dei BlueStages nella loro casa sul Southside di Birmingham, con artisti come Robert Kimbrough, Sr., Jesse Cotton Stone, Bruce Andrews e George Dudley, Lightnin’ Malcolm, R.L. Boyce, Nikki e Matt Hill, Earl Wi lliams, Sassy Brown, Misty Blues, Seth Walker, Little Lee, il defunto Mark Selby, e Timido Perry e Bill “Howl-N-Madd” Perry. I suoi articoli, interviste e podcast con artisti blues, nonché il suo blog di viaggio, sono disponibili sul suo sito web, francescamereu.com

Mentre seguiva il blues, attraversava il globo e si godeva la vita a Birmingham, Francesca ha continuato a scrivere. Ha pubblicato due opere teatrali sotto il titolo “Profondo Sud”  e altri due libri, !Quando mi chiameranno uomo?” e “Il Grande Saccheggio”. Durante la pandemia di COVID-19, Francesca ha firmato con uno dei cinque migliori agenti letterari in Italia e, al momento della sua morte, stava scrivendo un’opera teatrale sui neri americani, il blues e la lotta per i diritti civili.

All’inizio del 2022, in risposta alla guerra in Ucraina, Francesca ha aggiornato il suo libro del 2011 su Putin. “Dentro i segreti dell’uomo venuto dal buio. Da San Peitroburgo all’Ucraina” è stata pubblicata dalla Compagnia Editoriale Aliberti a marzo, e i suoi proventi del libro, che è stato tra i migliori venditori in Italia, andranno a sostenere l’Ucraina. Francesca e Sergey avevano amici e familiari a Kyiv, che andavano spesso a trovare quando lei lavorava per il Moscow Times. Durante i suoi ultimi mesi, ha comunicato regolarmente con i funzionari di Kyiv e ha scritto storie potenti su persone reali che hanno a che fare con le atrocità quotidiane della guerra.

Anche se ha trascorso i suoi ultimi 11 anni vivendo negli Stati Uniti, Francesca era una cittadina della Russia e dell’Italia ed era veramente cittadina del mondo. Amava viaggiare e la gente guardava in piccole città ovunque e soprattutto le piaceva visitare i paesi del sud asiatico, tra cui India, Tailandia, Cambogia e Vietnam.

Francesca ha scelto di diventare vegetariana. Era buona e gentile. La parola che meglio descrive Francesca è amore. Amava tutto ed era amorevole con tutti. Era amata – da Sergey, dalla sua famiglia, dai suoi tanti amici nella comunità blues, nella comunità internazionale, nella comunità giornalistica, e dal suo club del libro, e dal suo gatto, Vlad. Lei sorrideva sempre, e il suo sorriso era contagioso. Ci mancherà tantissimo.

Francesca è stata con il marito Sergey per 25 anni, con sua madre, Maria Antonia Traccis e gli zii e zie. Gli amici che desiderano ricordare Francesca sono incoraggiati a sostenere le cause che ama, tra cui l’Ucraina e le organizzazioni che combattono le ingiustizie in tutto il mondo. Un altro modo meraviglioso per onorare Francesca è andare a sentire la musica blues. Francesca lo adorerebbe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.