SARDEGNA, PREPARARSI ALL’IMPATTO: L’INCAPACITA’ DI GESTIONE DEL ‘DOSSIER CONTINUITA’ TERRITORIALE’

di VITO BIOLCHINI

La Sardegna si prepara all’impatto. Perché la morte di Alitalia avrà un esito drammatico per la nostra economia e per le nostre relazioni sociali. Il bando provvisorio che nel giro di due giorni doveva dare certezze, mentre scriviamo è ancora senza un vincitore e la data del 15 ottobre si avvicina. Anche perché perfino il burocrate più aduso ad attaccare l’asino dove vuole il padrone si rende conto che viene un po’ in salita escludere una compagnia solo perché non ha inviato una carta di identità e contemporaneamente ammetterne un’altra che, semplicemente, non esiste.

Come si sia arrivati a questa situazione è presto detto. Se vogliamo parlare di massimi sistemi, io ritengo che questo disastro sia in realtà il frutto più maturo, praticamente marcio, della cultura autonomistica cui le nostre forze politiche fanno riferimento ormai fuori tempo massimo. L’Autonomia è morta e il caso Alitalia/Ita lo dimostra per l’ennesima volta.

Il gioco delle relazioni intrecciate tra le nostre classi dirigenti e gli apparati dello stato italiano di fatto non produce più nessun beneficio per la Sardegna. Per lungo tempo la classe dirigente isolana ha accettato che Alitalia fosse il soggetto previlegiato per quanto riguarda le rotte in continuità. La concorrenza era una finzione. Com’è stato una finzione il bando di qualche settimana fa, a cui la Regione ha chiamato a partecipare soprattutto compagnie dallo scarso peso economico e di mercato. 

Per l’ennesima vola, la Regione non ha agito autonomamente, ma eteronomamente. Assecondando le evidenti volontà dello stato italiano ha inguaiato la Sardegna. Ma così è sempre stata interpretata l’Autonomia dalle nostre classi dirigenti: fingendo di portare avanti gli interessi dell’isola, in realtà mi giocandosi in proprio le poche fiches allungate sottobanco dallo Stato italiano, fiches da spendere per avere in cambio posti di sottogoverno o qualche seggio a Roma.

Se invece vogliamo fare nomi e cognomi, i responsabili di questo disastro sono il presidente della Regione Christian Solinas e il segretario della Lega Matteo Salvini. Il primo per non aver saputo gestire il dossier continuità (e questo benché sia stato anche assessore ai Trasporti), il secondo per aver imposto quale assessore regionale ai Trasporti l’inconsistente Giorgio Todde.

La data del 15 ottobre si avvicina drammaticamente, l’aereo Sardegna è in picchiata. Solo perché siamo abituati a coltivare la speranza vogliamo credere che ancora tutto possa essere risolto. In ogni caso, prepariamoci all’impatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *