GARA 1 DEI QUARTI DI FINALE DEL CAMPIONATO DI BASKET: VENEZIA SUPERA SASSARI 92-91 IN UN FINALE INCREDIBILE

Burnell

Esordio numero nove in post season per la Dinamo Banco di Sardegna, si alza il sipario sui playoff LBA 2021. Al Taliercio va in scena la gara1 dei quarti di finale con la Reyer Venezia e Sassari ritrova l’avversaria contro cui aveva concluso la storica edizione 2019. Oggi è un’altra storia, ancora tutta da scrivere, i biancoblu guidati da coach Casalone ritrovano Jason Burnell rimasto a riposo contro Cantù. Coach De Raffaele lascia fuori l’ex Jerrells insieme agli infortunati Bramos e Vidmar, tra i dodici dentro Clark.

Il Banco parte bene spinto dai punti delle sue bocche di fuoco, Bilan ne firma quattro di fila ed è 7-11 dopo 4’. Venezia insegue ma non riesce a bloccare l’offensiva biancoblu, Bendzius e Gentile siglano l’allungo a +7 costringendo De Raffaele al timeout. Massimo vantaggio Dinamo grazie ai liberi (9-19), Chappell prova a ricucire lo strappo con una tripla, Bendzius ricaccia indietro il tentativo, è una Sassari solidissima sia in attacco che in difesa, al 10’ è 14-24.

È una Dinamo ordinata che vola sul +14 con Katic e Gentile, Daye e Stone tengono viva la Reyer e dimezzano il vantaggio (25-32), calano i ritmi complice qualche errore biancoblu di troppo. Treier subisce il fallo di Clark e fa 2/2, il grande lavoro a rimbalzo premia Sassari, tecnico alla panchina per le eccessive proteste Venezia però non ne approfitta e al 18’ è 30-38. Dopo il timeout di Casalone arriva un mini parziale dei padroni di casa, Chappell si conferma top scorer per i suoi (11), Banco a trazione croata nel finale di secondo quarto, Kruslin dall’angolo firma il 35-43 che manda tutti negli spogliatoi dopo 20’.

La Dinamo non rientra aggressiva dopo l’intervallo, Venezia firma subito un parziale di 7-0 con Tonut e Stone, Casalone chiama il minuto, i liberi tengono vivo l’attacco biancoblu, De Nicolao al 23’ scrive il primo vantaggio orogranata (47-46). Quattro sanguinose palle perse inguaiano Sassari che però una reazione con Bilan e Burnell, +1 e timeout De Raffaele sul 52-53 al 26’. Si accende la sfida, botta e risposta continuo e perfetto equilibrio in campo, arrivano il 3° fallo di Daye e Chappell, il Banco grazie ai tiri a cronometro fermo si riporta avanti, Fotu a fil di sirena beffa la difesa, al 30’ è 62-63.

Venezia insegue ma ribatte colpo su colpo, Happ si riscopre assistman prezioso e cresce alla distanza, gli ultimi 5’ di gioco sono come un overtime. La Reyer risponde ai canestri di Kruslin (77-77 al 36’), il ferro sputa fuori la tripla del croato, entra invece quella del solito Chappell (18 punti) dopo un’ottima difesa del Banco, Gentile con una magia per la nuova parità, nel finale concitato Bilan stoppa Watt per due volte e dopo 40’ è 81-81.

I padroni di casa vanno subito a +5, una Dinamo a corto di fiato e idee si riporta a contatto con Spissu (86-83), 5° fallo di Watt, Bilan tiene vive le speranze sassaresi ma De Nicolao prova a chiuderla a 50’’ dalla fine (90-86). Ancora decisivi Bilan e Spissu che con tre liberi a 1’’ dal termine scrive il 90-91. Nel finale succede di tutto, gli arbitri fischiano fallo di Gentile su Watt, Daye sbaglia il primo libero ma realizza i restanti due, la rimessa della Dinamo dopo il timeout è da dimenticare, finisce 92-91 e la gara1 è di Venezia. Tra meno di 24 ore si torna in campo, sempre al Taliercio alle 18:00, per la gara2 di una serie che ha già dimostrato di saper regalare colpi di scena e grandi emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *