UNA POESIA PER GLI ABITANTI DI BITTI

di RITA CODA DEIANA

A sos Bitzichesos

Lagrimas de fiores,

in de-i cudd’adde silenziosa.

Ojos istudados,

su pettus s’ispaccat

in dolore,

in mesu de tantas

cosas chenza vida.

Lagrimas cuadas

falan da-e sos ojos

e de ogni fiore,

de cussa mama

profumada che rosa.

Drommi tue cuntenta

e reposa

fiore bellu

ch’isparghet in beranu.

Bestida ‘e candore

mama,

un’unda de mare iradu,

e-i como sa campana chi toccat

su toccu ‘e s’Ave Maria

a manzaneddu chittu,

in de-i cudd’adde silenziosa.

Ai Bittesi

Lacrime di fiori,

in quella valle silenziosa.

Occhi spenti,

il petto si spacca

in dolore,

in mezzo a tante

cose senza vita.

Lacrime nascoste

scendono dagli occhi

e da ogni fiore,

di quella mamma

profumata come una rosa.

Dormi tu contenta

e riposa,

fiore bello

che s’apre a primavera.

Vestita di candore

madre,

un’onda di mare irato,

e adesso la campana che suona

il tocco dell’ Ave Maria

al mattino presto,

in quella valle silenziosa.

8 risposte a “UNA POESIA PER GLI ABITANTI DI BITTI”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *