COMMIATO SOTTO TONO DA QUESTO PARTICOLARE CAMPIONATO DI CALCIO PER IL CAGLIARI: IL MILAN S’IMPONE PER 3-0. ROSSOBLU CHIUDONO AL 14ESIMO POSTO

il rientro di Pavoletti dopo un anno da infortunato

Si chiude con una sconfitta il campionato di Serie A 19.20 dei rossoblù, battuti 3-0 da un Milan confermatosi sino alla fine quale squadra in stato di forma smagliante. Per il Cagliari, al termine di una stagione dai due volti, con un girone d’andata scintillante e un ritorno complicato, il bottino finale è di 45 punti. 

Dopo 10′ di studio, il Milan passa in vantaggio: Calhanoglu serve in area sulla sinistra Leao, diagonale del portoghese che prende il palo e poi palla deviata nella propria porta da Klavan. I rossoneri insistono, Pereiro viene ammonito per un fallo deciso su Bennacer, e Ibrahimovic sfiora il raddoppio al 23′, ma Cragno respinge d’istinto la botta ravvicinata dello svedese. Pochi secondi ed è Leao-show: rovesciata da urlo su cross dalla destra di Calabria, traversa piena e occhi sgranati per la prima mezzora del giovane attaccante rossonero. Il Cagliari non reagisce, ci prova Pereiro al 36′ ma la sfera è fuori, quindi, dopo l’uscita per infortunio muscolare di Leao (dentro Bonaventura) arriva al 44′ il rigore per il Milan per un fallo di mani di Walukiewicz su colpo di testa ravvicinato di Ibrahimovic. Dal dischetto l’ex Inter sbaglia, anzi è Cragno a intuire e parare da campione il tiro incrociato.

Il Milan parte forte e sfiora a più riprese il raddoppio, prima con Calhanoglu e poi con Kjaer, ma al 55′ Ibrahimovic riceve in transizione da Castillejo e trafigge Cragno con una sassata terrificante all’incrocio da dentro l’area. Dominio Milan che si acuisce due minuti dopo, quando Castillejo corona una perfetta ripartenza di qualità calciando da posizione ravvicinata. Di fatto, succede pochissimo altro, nella girandola di sostituzioni che vede il ritorno in campo di Leonardo Pavoletti, a quasi un anno dall’infortunio nella maledetta prima giornata di campionato contro il Brescia e dopo la doppia rottura del legamento del ginocchio. Per lui tre minuti di buon auspicio verso il futuro e il prosieguo del recupero, per il Cagliari l’arrivederci alla prossima stagione che è ormai alle porte e che ripartirà con un nuovo progetto tecnico, come annunciato prima del match dal presidente Giulini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *