LA COMUNITA’ DI ANELA PIANGE IL SUO POETA: LA SCOMPARSA AD 87 ANNI DI NICOLINU PIANU

nella foto Nicolinu Pianu con Francesca Flore

di GIANRAIMONDO FARINA

Martedì 21 Luglio é venuto a mancare Nicolinu Pianu, poeta di Anela, all’età di 87 anni, conosciuto in tutta la Sardegna e nel mondo dell’emigrazione sarda, per i tanti premi e menzioni ricevuti nei vari concorsi internazionali di poesia in lingua sarda cui ha partecipato. Per il paese di Anela, per il Gocéano e per la Sardegna intera, si tratta di un grande vuoto, difficile da colmare; un altro pezzo di storia e di memoria che se ne va Nicolinu se ne é andato “in punta di piedi”, come “in punta di piedi ” e rispettosa é stata tutta la sua vita, dedita alla famiglia, emigrata negli anni Sessanta a Paderno Dugnano, al lavoro, alla cultura ed alla poesia. Ne ha scritto più di 300, tante mi sono rimaste impresse e ne ho apprezzato.  Non posso non dimenticare come, con onore ed orgoglio di anelese, mi é toccato, da lui delegato, ritirare i premi e le menzioni di onore che hai ricevuto nei premi internazionali di poesia sarda a Milano ed a Brescia.

La strofa finale di una sua splendida poesia Sa frebba ispagnola, dedicato alla morte del povero Bachiseddu, malato, delinea ed evidenzia tutta la potenza, l’amarezza, la delicatezza e l’eleganza, nel dramma, del tuo modo di scrivere.

“(…) Comente mai l’as nadu a sa tzia?

Proite no l’as fatu sas busaccas?

Ello cando est chi mi las attaccas

pro li ponner sas cosittas mias?”

– Il povero Bachiseddu, malato di spagnola, domandava alla zia di completargli il bel vestitino, cucendogli le tasche della giacca per mettervi le sue cosucce- immagine familiare di una casa sarda profonda ed intensa, cossiccome profondi, delicati e pieni di speranza sono questi versi di risposta della zia-:

“No est sighida”- sa tzia aiat nadu-

“Custa este pro cando sanas, Bachiseddu”

– Versi che, però, “‘s’ infrangono” nel drammatico finale della morte di Bachiseddu descritta, però, con rispetto e con tanta delicatezza-:

 Ma fidi, a sas tres dies,

de frores biancos cuguzzadu

Ancora più toccante e profonda é un’altra sua splendida poesia, che ben si lega al momento attuale ed al significato ed al senso della vita, Sa bertula de sa vida, omaggiataci per gentile concessione della famiglia. “Sa Bertula”, in lingua sarda significa la bisaccia, usata, fin dai tempi antichi, dai pastori, con misure decisamente più grandi, per riporre i viveri che servivano durante i lunghi periodi lontano da casa per il pascolo del gregge.

Sa bertula de sa vida

Cando fit noa sa bertula mia

cantu sas pius bellas fidi a fama:

tando m’appagaiat donzi brama

dendemi illusione e isperas,

lezera cantu sas pius lezeras

perunu pesu in palas mi sentia.

Tando currio abberu a totta proa

in baddes risulanas fioridas,

ma cando sas promissas sun fuidas

sa bertula s’est prena ‘e tribulias

e s’istrapazzu ‘e sas curreras mias

at imbezzadu sa bertula noa

Cantas bortas e cantas mi so ‘idu

resolutu fatende onzi attrivida,

currende chin su tempus a isfida

no bi cheriat isse a mi sighire;

ma como est lestru, e no potto acchipire,

lu giutto a trettu e m’hat bell’e sighidu.

Como es pesante sa bertula mia:

istagiones nd’hat bidu ‘onas e malas;

intro su fodde chi ruet a palas

tenzo sa cosa mia regollida

chin tottu sas maganzas de sa vida

e sos ammentos de sa pizzinnia.

S’atteru fodde no est prenu ancora,

e finzas cussu m’est dende pelea;

ma si resessit cantu apo in bidea

cando pago onzi depidu e mancanzia:

lu preno de onestade e isperanzia

e si b’hat runzas che las brinco a fora.

Cand’est piena de onzi bene ‘e Deu

la lasso in calchi logu fulliada,

iscutino a sos bentos cantu bada

pro semenare d’onzi frichinida.

Tando lasso sa bertula frundida

e tucco vagabundu a contu meu.

Sa  bertula, la bisaccia della vita é ,in fin dei conti, il paradigma dell’esistenza di ognuno di noi, un piccolo dono ed eredità che questo grande uomo e poeta ci ha voluto lasciare: leggera  e piena e ricolma di ogni speranza in gioventù (lezera canto sas pius lezeras, perunu pesu in palas mi sentia); pesante e piena di travagli e problemi nell’età adulta (como est pesante sa bertula mia, prena ‘e tribulias).

5 pensieri riguardo “LA COMUNITA’ DI ANELA PIANGE IL SUO POETA: LA SCOMPARSA AD 87 ANNI DI NICOLINU PIANU”

  1. La piccola comunità di Anela oggi si ritrova orfana del suo illustre concittadino Nicolinu Pianu. Il poeta, come veniva chiamato dai suoi concittadini è morto all’età di 87 anni. Ricoverato nel nosocomio Ozierese è ispirato nel tardo pomeriggio del 21 luglio. Lascia la moglie Leonarda e tantissimi nipoti a lui molto legati affettivamente. Conosciuto in tutta la Sardegna per le sue opere, ha collezionato un’infinità di premi e di riconoscimenti non solo al concorso di poesia Sarda città di Ozieri. Riconoscimenti arrivati anche dal continente, Milano e Brescia. I suoi paesani lo ricordano anche per le sua attività di macellaio del paese. Figlio d’arte, proveniva da una famiglia benestante e benvoluta in tutto il Goceano, persone oneste e laboriose. Ha tenuto l’attività attiva fino agli inizi degli anni 90, per poi dedicarsi a pieno solo ed esclusivamente a quella sua passione che era la poesia. Ieri, con grande dispiacere ha chiuso per sempre quel libro ricco di tante testimonianze e di belle parole per l’intera comunità Anelese e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.