TERZA TRANCHE DI TESTI PER CELEBRARE ONLINE “SA DIE DE SA SARDIGNA” 2020

,

i contributi di GAVINO MAIELI, BRUNA MURGIA, ANTONIO SINI,

ANTONIO G. PIRISI, PAOLA MACCIONI

GAVINO MAIELI con EST CUSTA SA DIE

Inoghe, ue su pane est de pagos

e sas messeras

dansan in lunas de morte,

inoghe, ue ticchirrian sos bentos

e sas mamas tessen sos bisos,

su tempus si cagliat.

Est die de ammentos

e lebios s’isolven sos contos

de Babbos Mannos

chi persighin

avreschidas e interighinadas.

Est die de ammentos,

de cando custa terra

vivere cheriat, vivere ebbìa,

chena furare nudda a niunu.

Massajos de una dansa noa

sun bennidos a vida,

ma sun pizzinnos ancora

e-i su pane

restat sempre de pagos. 

E de medas sas penas,

sos disizos furados,

sa gana de b’ essere,

omines, che-i sos Mannos de tando,

pro vivere ogni die de pius,

pro non morrere ogni diede pius.

Ca, custa,

est terra de olias e de piantos,

de ojos brujados in su suore,

de chelos chi tremen a sa lughe

de trigos ingraninde:

est terra chi chircat in sas pedras

sos sonos de una limba antiga.

Sa limba ‘e su ‘entu.

Sa limba ‘e sas roccas.

Sa  limba  de s’amore.

Pro proare a cantare

muttos de vida e de festa,

oe, pro su cras e pro sempre.

Oe, ca est custa sa die.

Est custa, sa die, in Sardigna.

È QUESTO IL GIORNO

Qui, dove il pane è di pochi

e le messi

danzano in lune di morte,

qui, dove gridano  i  venti

e le madri tessono i sogni,

il tempo tace.

È giorno di ricordi

e leggeri si sciolgono i racconti

di Grandi Padri

che inseguono

albe e tramonti.

È giorno di ricordi,

di quando questa terra

vivere voleva, vivere soltanto,

senza rubare niente a nessuno.

Massai di una danza nuova

son venuti alla vita,

ma sono giovani ancora

ed il pane

resta sempre di pochi.

E di  molti le pene,

i desideri rubati,

la voglia di esserci,

uomini, come i Grandi di allora,

per vivere ogni giorno di più,

per non morire ogni giorno di più.

Perché, questa,

è terra di ulivi e di pianti,

di occhi bruciati nel sudore,

di cieli che tremano alla luce

del grano che granisce:

è terra che cerca nelle pietre

i suoni di una lingua antica.

La lingua del vento.

La lingua delle rocce.

La lingua dell’amore.

Per provare a cantare

canti di vita e di festa,

oggi, per il domani e per sempre.

Oggi, perché è questo il giorno.

È questo, il giorno, in Sardegna.

BRUNA MURGIA con LUGORI

S’istudada su soli a mericèddu,  
ma dògnia logu ’e celu est infogau, 
apparèssi sa dii chi non bòliri finiri
e s’allebiada sa terra abbrusciada,
dògnia pèrda est prus bella che s’oru
e intrada in su coru sa luxi ’e sa luna.
De innoi e de inni allirgasa in giru
sa maniposa cun s’abi maista
s’attobiànta in sa froridùra noa
e in su citìri ’e su monti mannu
s’intendinti is pillonis poetendi
e is cèrbus e is crabiòlus currendi.
Fortis in in sa boxi ’e su bentu,
chi non teniri stagioni né momentu,
is crabittus appicculàusu a sa cresura
comente fueddus antigusu ’e cantai
po arregodài custa terra liberada,
lebia che folla in sa friscura ’e beranu.
E sa bellesa sua non teniri fini
candu tottus impari currinti
e torranta a ciccai de s’attaccai
lassanta a s’onestadi ’e ogniùnu
custa grandu beridadi ’e contai
a tottus cussus chi bolinti torrai.
Poita ca ’e tanti meraviglia
chinisisiada podidi castiai
sentza pruis gana de s’incaminai.
De malus tempus seus bivendi
ma ses seguru ca in tottu su mundu
non c’est logu prus bellu de biri
e non c’est fragu prus bonu e lebiu
de su bentu in sa murta e s’ollastu
chi nàsciri in su mori connotu.
E si ti dimandanta ’e custu logu oscuru
non ti sbrigungiasa ’e nai
ca innoi su soli non ci calada diaderu,
s’arrimada sceti unu pagu
e ses seguru ca non torrada
mellus ora ’e arregodài
poita innoi sa dii non morit mai.

ANTONIO SINI con TERRA KI NON RIDET

Sa terra mea est antica  

E marturjada

De tempos kenza tempus

Est isula de dolore.

Sa terra mea est antica

E disconnota

Pacos ana iscurtau

Sos battimentos suos fundhos

Sos lamentos suos

Sa boche sua

Sa terra mea est antica

E  asseliada:

In sos seculos

Fit isula assamudada.

Sa terra mea antica

Oje sortidi

Comente terra nova dae mare.

(cumbertia in limba dae Antoni Gonariu Pirisi, Parma/Sarule)

Antonio Sini, pastore, poeta, scultore, nasce a Sarule (1928-2017). Ha pubblicato tre libri di poesie: “La terra che non ride”, “Il fiore impiccato” e “Oltre le radici”.

PAOLA MACCIONI con DALL’ACQUA E DALLA TERRA (O DELLA NOSTALGIA)

Dall’ acqua e dalla terra

spiriti di colori e immagini

nascono.

Sostano negli occhi,

si fermano nel cuore e nella mente

a formare il ricordo,

a ricordare il sogno.

Dalla terra e dall’acqua

spiriti silenziosi sulla carta si

fermano.

Arrampicandosi su muri stranieri

si guardano intorno.

E precipitano per innalzarsi

in bicchieri di vino rosso

e pane profumato

di erbe lontane,

dove ritrovano il tempo

e risvegliano memorie

con suoni e voci di una lingua antica.

De terras e de abbas

ispiridu ’e colore e màzines

nàskini.

Pasan in sos ojos,

si firman’ in su coro e in sa mente

a ordire s’ammentu,

sa visione a ammentare.

De terras e de abbas

assamudaos, ispiridos

in papiru s’arressana.

Aperricaos in muros istranzos

a inghiriu dana cara.                                                                                                               

E k’istrempana pro si k’artziare

in tassas de vinu nigheddu                                                                                                 

e pane kin nuscos de inneddas erbas                                                                      

ube accatan su tempus

e ischidana memorias

cun sonos e boches de un’antica limba

(cumbertia in limba dae Antoni Gonariu Pirisi,  Parma/Sarule)

Paola Maccioni (Cagliari 1955) vive a Parma. Ha pubblicato diverse raccolte in versi e racconti, tutte edite da Epika. “Io e gli altri. Diario di incontri”  (2018), “Il canto dell’elefante. L’undicesima rosa” (2018),  “Io, come tante” (2016).

POESIA GAELICA

Non lassedas sa limba vostra in s’ammentu

Pro nois tottus oje sa limba est viva,

Proite mai bos ad’abbandonare,

Ma semper ampàru vostru ada essere,

Candho azzes a ponner passu in eremosas camineras de sa vida,

In sas penas e in peleas

Un’ottava de una cantzone in limba pro bois ada esser

Menzus de un’ampulla prena.  

(cumbertia in limba dae Antoni Gonariu Pirisi,  Parma/Sarule)

NON LASCIATE LA VOSTRA LINGUA NEL RICORDO

Non lasciate la vostra lingua nel ricordo,

Per noi tutti è oggi viva,

Non vi abbandonerà mai,

Ma sarà vostro appoggio sempre,

Quando camminerete per il solitario cammino della  vita,

Nelle pene e nei problemi

Una stanza di una canzone in lingua sarà per voi

Meglio di una grande bottiglia.

Aithne Do ’n Oige, Calum Mairead, Arnol, Lewis                                             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *