IN SARDEGNA SARA’ INEVITABILE LO SPOPOLAMENTO: IL RAPPORTO SVIMEZ SULL’ECONOMIA E LA SOCIETA’ DEL MEZZOGIORNO

Una terra destinata allo spopolamento. È la Sardegna proiettata nel 2065. Tra poco meno di cinquant’anni l’Isola si troverà ad avere soltanto 1.181.774 abitanti, esattamente 466.402 in meno rispetto agli attuali 1.648.176. La previsione è contenuta nel rapporto ‘L’economia e la società nel Mezzogiorno’ appena pubblicato dallo Svimez, l’associazione per lo sviluppo dell’industria nel mezzogiorno, e presentato alla Camera. Il divario tra nord e sud Italia, il mercato del lavoro, l’occupazione e il raffronto con gli altri Stati europei sono alcuni tra i principali temi trattati nel documento. A leggere i dati quello più preoccupante per la Sardegna riguarda la dinamica della popolazione. “In un’Italia, che è tra i paesi più vecchi al mondo, il Mezzogiorno si trova ad affrontare una delle crisi demografiche più profonde e durature tra i paesi del mondo occidentale. Nel corso dei prossimi 50 anni il sud perderà 5 milioni di residenti”. Tra questi anche tantissimi sardi.

A incidere sulla diminuzione della popolazione un tasso di crescita naturale, cioè la differenza tra la percentuale di nascite e morti, negativo. A fronte di un tasso di natalità pari a 5,7 quello di mortalità è di 9,9. Il fenomeno è condizionato anche dall’emigrazione, in particolare dalla fuga di tanti giovani. “La consistente perdita dei giovani laureati – si legge nel rapporto – assume un rilevo maggiore in Basilicata e in Abruzzo, rispettivamente il 33,9% e il 35,0%. Nelle altre regioni la quota dei laureati che si trasferisce al centro-nord supera sempre il 30% con l’eccezione della Campania (29,1%) e della Sardegna (28%)”.

Il mercato del lavoro è un altro degli aspetti presi in considerazione dalla ricerca. L’Isola negli ultimi anni ha fatto meglio di altre Regioni italiane del sud: “L’occupazione, nella media dei primi due trimestri del 2019, è in calo in Abruzzo, Campania, Calabria e Sicilia, mentre cresce sensibilmente in Molise, Puglia, Basilicata e, soprattutto, Sardegna. Misurando la differenza con il 2008, e dunque gli effetti prodotti dalla lunga recessione, i livelli occupazionali a fine 2018 erano ancora molto distanti da quelli pre-crisi in quasi tutte le regioni: – 7,8 per cento in Sicilia, di poco meno in Calabria (- 5,7), Molise (- 5), Puglia (-4,6), Basilicata (-3,6), Sardegna (-3,3) e Abruzzo (-2,4). Solo la Campania si colloca su valori intorno a quelli del 2008 (-0,4%)”.

Per quanto riguarda l’andamento dell’economia più recente, il quadriennio 2015-2018 pur confermando che “la debole ripresa degli anni scorsi” ha riguardato quasi tutte le regioni italiane, mostra andamenti molto diversi a livello territoriale. “Il grado di disomogeneità, sul piano regionale e settoriale, è estremamente elevato nel sud. Nel 2018, Abruzzo, Puglia e Sardegna sono state le regioni meridionali che hanno fatto registrare il più alto tasso di crescita, rispettivamente +1,7 per cento, +1,3 e +1,2.  La Sardegna, uscita con qualche incertezza dalla fase recessiva rispetto al resto delle regioni meridionali, segna +1,2 per cento, dopo l’andamento negativo del prodotto nel 2016 (-1,9) e la ripresa fatta registrare nel 2017 (+1,8). Sono in particolare i servizi a trainare la “ripresina” (+1,2%), ma vanno bene anche l’industria in senso stretto (+0,8%) e i servizi (+1,4%), mentre l’agricoltura è inchiodata a zero”.

2 risposte a “IN SARDEGNA SARA’ INEVITABILE LO SPOPOLAMENTO: IL RAPPORTO SVIMEZ SULL’ECONOMIA E LA SOCIETA’ DEL MEZZOGIORNO”

  1. Nell’ interno della Sardegna, fra 50 anni, tantissimi paesi non esisteranno piu’…resteranno soltanto le case che sono state costruite, gran parte, dai nostri genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *