STORIA DEI PIONIERI SARDI IN AUSTRALIA: IL PROGETTO DI FAUSTO ZANDA CON OTTAVIO OLITA E SANDRA SABA PER UN LIBRO CHE NE RACCONTA LE VICENDE

nella foto da sinistra: Fausto Zanda, Ottavio Olita, Sandra Saba e Miki Faella
di FAUSTO ZANDA

Dal 21 giugno al 6 luglio in quattro delle principali citta’ australiane – Sydney (ospiti del Presidente Pietro Schirru), Melbourne (per iniziativa del Presidente Paolo Lostia), Adelaide (grazie ad una lunga intervista condotta a Radio Italiana da Paola Matta) e Brisbane (promosso dal Circolo Ulisse Usai) e’ stato presentato il progetto – approvato dalla Regione Sardegna – di realizzare un volume dedicato alle vicende vissute dagli emigrati sardi, verso questa lontana terra, nel secondo dopoguerra.

Il promotore del progetto, Fausto Zanda–neo eletto Consultore per l’emigrazione in Australia e Presidente del circolo Ulisse Usai di Brisbane – e i curatori del volume, Ottavio Olita e Sandra Saba, hanno incontrato le comunita’ sarde che vivono nelle quattro citta’ australiane ed hanno raccolto ulteriori testimonianze sulle condizioni di viaggio, di inserimento, di progressiva integrazione e delle successive trasformazioni vissute dai sardi che, prevalentemente provenienti dall’oristanese e dal sassarese scelsero con coraggio, quasi con temerarieta’, questo continente allora lontanissimo, per costruire una speranza di futuro che allontanasse fame, disoccupazione, disperazione. Il volume raccontera’ sia della maggior parte degli emigrati che ha continuato a vivere qua sia delle ragioni che spinsero una piccola parte di loro a rientrare.

Le testimonianze dimostreranno inoltre come, grazie ai pesantissimi lavori che quei pionieri accettarono di svolgere, l’Australia ha costruito progressivamente un’economia solida, leggi moderne, prestigio nel mondo.

A Brisbane e Melbourne, infine, e’ stato anche presentato l’ultimo romanzo pubblicato da Ottavio Olita per conto della Citta’ del Sole Edizioni dal titolo “Il costo della verita’”, con prefazione di Don Luigi Ciotti, Presidente dell’Associazione Libera e del Gruppo Abele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *