LA “FIERA DELLE PAROLE” AL CIRCOLO “ELEONORA D’ARBOREA” DI PADOVA IL 4 E IL 5 OTTOBRE: LA PRESENTAZIONE DEI LIBRI DI GIANNI ANDREA DELIGIA E GIAN NICOLA PITTALIS

dal sito www.fasi-italia.it a cura di PAOLO PULINA

“Fiera delle Parole” al Circolo Sardo”Eleonora d’Arborea” di Padova, Via delle Piazze, 22 

Giovedì 4 ottobre 2018 – ore 18,30 

Presentazione del libro di Gianni Andrea Deligia, “Nassara e la guerra dei poveri”, Ed. Condaghes.
In “Nassara e la guerra dei poveri” Gianni Andrea Deligia racconta i nove anni che ha trascorso in Ciad, dal 1975 al 1983. Spinto dalla curiosità verso terre e culture lontane, giunge in Ciad all’età di 25 anni e viene subito travolto dagli eventi. Diventa capo redattore di Tchad et Culture, l’unica rivista del Paese, scritta in francese. A quei tempi la maggioranza dei ciadiani era analfabeta e conoscere quello che succedeva nelle diverse regioni del Paese non era facile. Il calcio era uno dei pochi elementi capaci di unire le diverse popolazioni, dal deserto del Nord-est alla relativamente fertile savana del Sud. Unico giocatore bianco del campionato nazionale di calcio, Gianni diventa famoso come Nassara, “l’uomo bianco”. Si incontra e si scontra con una realtà molto diversa dalla sua, che lo affascina stregandolo con le tante contraddizioni. Nel 1977 si trova a lavorare per l’ONU e per il Governo del Ciad, per far sì che i ciadiani potessero scrivere la propria Storia. Nel ’79 la guerra civile, che da anni distrugge il poco che funziona nel Nord-est, raggiunge la capitale. Gianni intreccia la storia della sua giovinezza alla storia di questo Paese. Qui si innamora, si sposa, crea la sua famiglia, fa carriera e decide di restare anche durante la guerra, lottando come funzionario dell’ONU al fianco delle donne e dei bambini del Ciad.

Gianni Andrea Deligia è nato in una casa cantoniera di Meana Sardo (Nuoro) nel 1949.  Dopo la laurea in Scienze Politiche a Cagliari e il corso post lauream in Studi del Vicino Oriente all’American University di Beirut, ha svolto il servizio civile in Ciad, per poi iniziare la sua carriera nell’ONU nel 1977.  Per trentaquattro anni si è occupato di sviluppo, emergenze umanitarie, fenomeni migratori in 17 Paesi dell’Africa e dell’Asia.  Nel 1984 è stato nominato, dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini, Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, “per meriti acquisiti nella difesa dei connazionali italiani e dei loro beni durante la guerra civile in Ciad (1979-1982)”.

Venerdì 5 ottobre – ore 18,30 

Gian Nicola Pittalis, “L’inquisizione a Venezia“ (Ed. Biblioteca dei Leoni). Presenta: Roberto Lamantea.
Storie di uomini, processi, eretici, streghe, vittime e carnefici. L’Inquisizione a Venezia, il Sant’Uffizio, le condanne, i patiboli. Giordano Bruno e Galileo, Veronese e Paolo Sarpi, dogi e papi. Ma la Serenissima ha rimarcato la sua autonomia anche negli anni bui dell’Inquisizione. Dal Medioevo all’Illuminismo, l’ultimo inquisitore è cancellato da Napoleone.

Gian Nicola Pittalis è giornalista, autore di libri, cronista e direttore di testate. Laureato in Archeologia Subacquea, viene da esperienze nazionali ed internazionali. Figura tra i professionisti accreditati presso Eurosportello, ed ha alle spalle più di 20 anni di attività nel campo della Comunicazione Integrata e Istituzionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *