“L’UOMO CHE COMPRÒ LA LUNA” DI PAOLO ZUCCA: IN ANTEPRIMA MONDIALE AL 23° BUSAN INTERNATIONAL FILM FESTIVAL IN COREA DEL SUD

di BRUNO CULEDDU

Un pescatore sardo ha promesso la luna alla donna che ama. E gli uomini sardi mantengono sempre le loro promesse. Così si presenta  L’uomo che Comprò la Luna”, il nuovo film di Paolo Zucca.

Dopo il successo de “L’Arbitro“,  tra qualche settimana,  l’opera seconda del regista oristanese sarà presentato nella Corea del Sud in anteprima mondiale. Il film è in competizione con Saremo giovani e bellissimi di Letizia Lamartire (già visto alla Settimana della Critica di Venezia) al 23° Busan International Film Festival che si terrà dal 4 al 13 ottobre 2018. È, questo, uno dei più importanti festival del sud-est asiatico, denominato la “Cannes dell’Asia” per la grandezza e vitalità del suo Mercato. Nelle varie sezioni tematiche non competitive sarà presente a Busan il  meglio del cinema italiano dell’ ultimo anno:  Dogman di Matteo Garrone (candidato agli Oscar), “Capri-Revolutiondi Mario Martone (pluripremiato alla Biennale di Venezia), Fiore Gemello” di Laura Luchetti, Lazzaro felice di Alice Rohrwacher, Loro di Paolo Sorrentino, La lotta di Marco Bellocchio, Ricordi? di Valerio Mieli,”What You Gonna Do When the World’s On Fire? di Roberto Minervini. In omaggio  ai fratelli Taviani sarà inoltre presentato “Padre Padrone”.

La storia di “L’Uomo che Comprò la Luna”  ruota attorno alla missione segreta dell’agente Kevin (Jacopo Cullin). Qualcuno, in uno sperduto paesino della Sardegna, è diventato legalmente il proprietario della Luna. Questa è la soffiata che giunge nella sede di un’improbabile agenzia per la sicurezza atlantica del Nord Italia e che mette in moto la vicenda, facendo sì che venga reclutato Kevin, un giovane agente segreto che disconosce le proprie origini sarde. Kevin deve affrontare un durissimo training, allenato dal reticente misantropo Badòre, che dovrà fare di lui un vero sardo. Superate le difficoltà dell’addestramento e un grottesco esame finale, il nostro eroe si imbarca per la Sardegna e dopo una serie di avventure picaresche riesce a giungere nel paese di Cuccurumalu, nel quale inizia a svolgere la sua indagine sotto mentite spoglie.

Nel cast ritroviamo alcuni interpreti che hanno fatto grande “L’Arbitro”: Jacopo Cullin,  Francesco Pannofino, Benito Urgu,  con Stefano Fresi, Lazar Ristovski  e Angela Molina.

 La sceneggiatura è di Barbara Alberti, Geppi Cucciari e Paolo Zucca. La fotografia è di Ramiro Civita, le musiche di Andrea Guerra, la fotografia di Ramiro Civita, i costumi di Stefania Grilli, la scenografia di Alessandra Mura e il montaggio di Sarah McTeigue.

ìAmbientato a  Cagliari, Oristano, Cabras, San Vero Milis e Buenos Aires , il film (durata 103′) è stato sostenuto da: MIBACT, (Film riconosciuto di interesse culturale), Regione Autonoma della Sardegna, Sardegna Film Commission, Università di Cagliari e INCAA.

Prodotto da La LunaIndigo FilmSka-ndal ProductionOficina Burman, la pellicola sarà distribuita da Lucky Red. Vendite Estere: True Colours Glorious Films.

Attendiamo con impazienza l’uscita anche nelle nostre sale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *