DOPPIA PREFERENZA: IL COORDINAMENTO 3 – DONNE DI SARDEGNA, CHIEDE INCONTRO URGENTE CON IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE GIANFRANCO GANAU


Il Coordinamento3-Donne di Sardegna chiede un incontro urgente al Presidente del Consiglio Regionale della Sardegna Gianfranco Ganau e ai Capigruppo perché assumano un atto di impegno e di responsabilità politica affinché la votazione sulla doppia preferenza di genere avvenga a voto palese e non a scrutinio segreto: è questa la condizione da cui non è più possibile prescindere nella votazione su una norma, ormai ineludibile per la democrazia e la civiltà della nostra isola.

Il legislatore e i politici tutti devono essere tenuti a rendere conto del proprio operato e delle loro posizioni nella massima trasparenza ed in particolar modo, in ragione del ruolo ricoperto, il Presidente e i Capigruppo non possono sottrarsi a questa importante responsabilità.

E’ ancora vivo il ricordo di quanto accaduto il 21 giugno 2013, quando la proposta sulla doppia preferenza di genere venne affossata dall’ Assemblea legislativa regionale con il vergognoso ricorso al voto segreto, nonostante l’imponente mobilitazione di donne di tutte le associazioni e di tutti gli schieramenti, sostenute da un vasto e autorevole movimento di opinione pubblica.

Le conseguenze di quella scelta e della votazione successiva sono sotto gli occhi di tutti, con sole 4 donne in Consiglio Regionale, soltanto una in più rispetto al primo consiglio regionale, eletto nel 1949! Siamo di fronte ad un gravissimo deficit di donne in politica che, se non eliminato, oltre ad essere in contrasto con quanto disposto dalla L. n. 20 / 2016, rappresenterebbe un grave vulnus per la democrazia, minando efficacia e efficienza dei processi decisionali, in assenza di rappresentanza di una parte importante della società sarda. Per questi motivi ed in considerazione del fatto che la discussione dovrebbe essere avviata agli inizi della settimana p.v, l’incontro deve essere fissato con la massima urgenza.

Coordinamento3-Donne di Sardegna è un nuovo soggetto regionale per le politiche antidiscriminatorie, che riunisce esponenti delle amministrazioni locali, delle associazioni femminili, degli organismi di parità, degli ordini e categorie professionali della politica.

Segreteria Organizzativa

Simona Corongiu, Carla Medau, Rita Mameli, Rita Corda, Carla Puligheddu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *