BUSINESS DEGLI INCENDI : LA SARDEGNA BRUCIA, VOGLIAMO ANCORA CHIUDERE GLI OCCHI?


di Pier Franco Devias

Appare sempre più inquietante la vicenda della gestione degli incendi .“Quindicimila euro l’ora per l’intervento di un Canadair, 5000 l’ora per quello di un elicottero. Alla vigilia di questa estate di fuoco, l’Autorità Garante della Concorrenza ha iniziato ad occuparsi del business dello spegnimento degli incendi legato alla flotta dei Canadair”.
L’inchiesta, che ha preso le mosse dalle rivelazioni di un pilota, cercherebbe di vederci chiaro sull’ipotesi che una cordata di aziende private, tutte del nord Italia, condizionassero gli appalti pubblici per l’affitto dei Canadair. Un giro d’affari che si basa, appunto, tutto sull’imponenza del fenomeno degli incendi e che annovera cifre da capogiro. Queste le cifre del solo anno 2015:
– Babcock Mission Critical Services Italia S.p.A. , con sede legale a Milano. Valore di fatturato dell’esercizio 2015: duecento milioni di euro. 
– Airgreen S.r.l., società con sede legale in provincia di Torino. Valore di fatturato dell’esercizio 2015: circa venti milioni di euro. 
– Elifriulia S.r.l., società con sede legale in provincia di Gorizia. Valore di fatturato dell’esercizio 2015: circa dieci milioni di euro.
– Heliwest S.r.l., società con sede legale in provincia di Asti. Valore di fatturato dell’esercizio 2015: circa nove milioni di euro. 
– Eliossola S.r.l., società con sede legale in provincia di Verbania. Valore di fatturato dell’esercizio 2015: cinque milioni di euro. 
Elitellina S.r.l., società con sede legale in provincia di Sondrio. Valore di fatturato dell’esercizio 2015: circa dieci milioni di euro. 
A queste si aggiungono altre società con diverse specializzazioni che operano sempre nell’ambito dello spegnimento degli incendi e del soccorso.
Ciò che l’Autorità Garante della Concorrenza (e probabilmente anche diverse procure) sta cercando di capire è se è vero che queste società, insieme o in blocchi misti, si accordassero per accaparrarsi gli appalti pubblici per l’affitto dei Canadair mettendosi d’accordo sul minimo ribasso possibile oppure riconfermando l’appalto alla società precedente per mancanza di concorrenti.
E in questa nebbia salta fuori, tra le tante cose inquietanti, il dato riguardante la Sardegna.
Vediamo così che secondo i dati in Sardegna, nel 2012, per l’AIB (anti incendio boschivo) ATI Airgreen/Eliossola/Elifriulia/Star Work/Elitellina (unica offerta) ottengono l’appalto con un ribasso dello 0,01 sull’offerta di partenza.
Nel 2015 la stessa cordata di società tutte insieme ottengono l’appalto con un ribasso dello 0,04 sull’offerta di partenza.
Lasciamo che, su questi aspetti, chi ha le competenze vada avanti e faccia chiarezza per verificare se queste ipotesi hanno fondamento o meno. 
Tuttavia l’inquietudine resta.
Resta perché non si capisce chi e perché mette fuoco. Le ipotesi sono tante, ma Libe.r.u. già dall’anno scorso con la raccolta firme di “Firma su Fogu” aveva proposto che la Regione acquistasse dei Canadair ed elicotteri all’avanguardia da tenere in pianta stabile in Sardegna.
Non si sa se dietro gli incendi c’è un’opera criminale di speculazione. Di sicuro con dei mezzi di proprietà regionale il rischio non si corre: se metti fuoco non interviene nessun privato, quindi fermi sul nascere qualsiasi eventuale ipotesi di business degli incendi.
Che cosa ha risposto l’assessora Spano a questa proposta supportata da 6300 firme autenticate?
“I mezzi aerei ce li dà lo Stato” (che li affitta, appunto, dai privati, per cifra da capogiro) “Chi ce lo fa fare a spendere soldi a noi Regione?”, snobbando ogni ipotesi di costruzione di pezzi di sovranità sarda anche nella gestione di questo flagello.
Adesso che si allungano le ombre più nere, che gli incendi diventano un business incredibile di milioni e milioni, almeno adesso l’assessora Spano potrà prendere in seria considerazione che avere i mezzi antincendio di proprietà regionale ci permetterebbe di non chiedere favori a Roma e ci assicurerebbe che a nessuno converrebbe andare a mettere fuoco per poi guadagnare quindicimila euro a ora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *