DECISIVO L’EX DAVID LOGAN: SCONFITTA IN IRPINA PER 77-65 PER LA DINAMO SASSARI CONTRO AVELLINO

ph: Rok Stuipcevic

Gli uomini di Federico Pasquini non riescono ad espugnare il Pala Del Mauro e cadono contro una agguerrita e concreta Sidigas Avellino nell’anticipo dell’ottava giornata di ritorno del campionato.

I padroni di casa partono forte, condotti da un super David Logan, autore di 19 punti, e Levi Randolph (21), chiudendo la prima frazione avanti di 11 lunghezze. Devecchi e compagni mettono a segno un secondo quarto monumentale riportandosi a due soli possessi di distanza. Nel secondo tempo però i giganti non riescono a completare la rimonta non trovando il canestro del sorpasso pur riportandosi due volte a -1.

Determinanti per la Dinamo il solito Rok Stipcevic, autore di 18 punti con 6/8 da due, 3 assist, e la grinta e concretezza di Trevor Lacey, a referto con 16 punti e 2 assist. Importante apporto di Tau Lydeka, protagonista della sfida con il centro della Scandone Fesenko: per il lituano 14 punti e 4 rimbalzi. Bene anche Dusko Savanovic nei suoi 24’ in campo, autore di alcune giocate che hanno risvegliato i suoi e innescato la rimonta biancoblu: per il Maestro  7 punti e 7 rimbalzi; importante contributo alla voce rimbalzi anche di Brian Sacchetti (6).

Coach Pasquini manda in campo Bell, Lacey, Devecchi, Sacchetti e Lydeka, coach Sacripanti risponde con Green, Leunen, Randolph, Fesenko e Thomas. È un break di 4 punti firmato Tau Lydeka ad aprire i giochi, per i padroni di casa risponde l’ex biancoblu David Logan. La Dinamo mette il naso avanti con 5 punti di Lacey. Ma la Scandone bombarda dall’arco con Randolph e Logan e si porta avanti. Il presente e il passato del Banco si incontrano nel botta e risposta tra Stipcevic e Logan. I lupi firmano un break di 11 punti, ci mettono una pezza Stipcevic e Lighty ma al 10’ Avellino conduce 26-15. Nella seconda frazione i giganti mettono a segno una grande rimonta, portandosi dal -12 a -4. La rimonta ha la faccia e la grinta di Trevor Lacey, la concretezza di Dusko Savanovic, autore di un 4-0 che suona la carica ai suoi, e la magia delle funamboliche giocate di Rok Stipcevic. Si va negli spogliatoi sul punteggio di 40-36. Al rientro dall’intervallo lungo Avellino riporta il vantaggio in doppia cifra con Randolph e Thomas. Non ci stanno i giganti che, condotti da Stipcevic, rispondono con un controbreak di 9 punti. Rocco firma il -1 ma gli irpini ricacciano indietro i sardi e chiudono il terzo quarto con un tiro allo scadere di Randolph che dice 59-54. È la sfida tra Tau Lydeka e Kyrilo Fesenko ad aprire l’ultima frazione: la pazienza in attacco e la grinta del lungo lituano riportano Sassari a -1. La Sidigas trova un break con gli ex che gli permette di scappare via: bomba di Green, schiacciata in contropiede di Logan e tripla del Professore. Il tabellone dice +9 per i campani quando restano poco più di 3’ da giocare. I giganti non riescono a sovvertire l’inerzia, al PalaDel Mauro finisce 77-65.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *