MIGLIOR FILM AL “PRESENTE ITALIANO” DI PISTOIA PER IL REGISTA GIANCLAUDIO CAPPAI: PREMIATO “SENZA LASCIARE TRACCIA”

ph: Gianclaudio Cappai

È Senza lasciare traccia, l’esordio al lungometraggio del regista cagliaritano Gianclaudio Cappai, il film vincitore del riconoscimento per la Miglior opera prima alla 2/a edizione di Presente Italiano, il festival pistoiese dedicato alla produzione cinematografica nazionale. La pellicola, un noir rurale girato dentro le affascinanti stanze di una fornace, con protagonisti Michele Riondino e Valentina Cervi, è stataa proiettata sabato 15 ottobre alle 18.15 presso il Cinema Roma di Pistoia, alla presenza dell’autore. In apertura, Cappai ha ricevuto un premio realizzato per l’occasione dall’artista Federico Gori.

Senza lasciare traccia racconta la storia di Bruno, un uomo nel cui passato c’è un mistero che nemmeno la moglie Elena può penetrare: un evento che ha segnato la sua vita, condizionandone per sempre la salute, e che riaffiorerà improvvisamente quando Elena verrà chiamata a lavorare proprio sul luogo del misfatto. In questo revenge movie dal respiro affannoso, ad emergere come elemento di maggior interesse è senza dubbio la grande capacità del regista di plasmare un’atmosfera diabolica là dove l’occhio comune vedrebbe solo rovine e decadenza: dentro la fornace, luogo centrale del film, dove la storia trova il suo inizio e la sua fine.

“Gianclaudio Cappai già alla prima opera ha saputo costruire un microcosmo drammatico unico e avvolgente – spiega il direttore del festival Michele Galardini – al cui centro c’è una fornace, presenza che, al pari dei protagonisti, esonda dai limiti dello schermo. Premiarlo significa riconoscere nel suo film e nel suo sguardo i semi di un’autorialità sensibile, matura e coinvolgente”

Presente Italiano è diretto da Michele Galardini e promosso dall’associazione PromoCinema, con il sostegno del Comune di Pistoia, della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia, Conad del Tirreno, dell’associazione Teatrale Pistoiese e la collaborazione di Quelli della Compagnia di Fondazione Sistema Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *