CON IL GREMIO "EFISIO TOLA" DI PIACENZA, A FARINI (PC) L'8 OTTOBRE, CONCERTO CORALE CON LA PARTECIPAZIONE DE "SU CUNTRATTU DE SENEGHE DE ANTONI MARIA CUBADDA"


evento segnalato da Bastianino Mossa

Anche quest’anno il Gremio Sardo Efisio Tola di Piacenza partecipa alla rassegna Appennino Festival 2016, con la proposta di uno dei punti di forza della cultura popolare, musicale e vocale sarda: il coro a tenore “Su Cuntrattu de Seneghe de Antoni Maria Cubadda”.
In collaborazione con la Pro loco di Farini, sabato 8 ottobre alle 21  presso la chiesa parrocchiale di Farini d’Olmo il coro  seneghese si esibirà in concerto alternandosi con il coro locale “Eco della Valle”. Come già avvenuto nelle passate edizioni dell’Appenino Festival la comunità sarda nel piacentino incontrerà la comunità della Val Nure, a conferma di un legame di fratellanza e amicizia che le accomuna. Sarà anche come già fatto nell’edizione dell’anno scorso l’occasione per ribadire la nostra solidarietà alla popolazione locale colpita dalla tragica alluvione che nel  2015 ha devastato i paesi della vallata provocando anche  la grave perdita di tre abitanti del posto. La ricostruzione delle case e dei servizi danneggiati ha visto la partecipazione solidale dei sardi presenti in provincia di Piacenza, mediante donazioni e anche attraverso il loro impegno diretto in aiuto alla gente del posto.
Sempre sabato, il cuntrattu di Seneghe, assieme ai rappresentanti del Gremio, sarà ospite a pranzo presso l’agriturismo dei Fratelli Gusai,  a Crocinito di Bettola in val Nure, azienda gestita da circa vent’anni dalla famiglia Gusai originaria di Nuoro, e che è diventato un vero e proprio presidio della cucina tradizionale sarda esportata fuori dall’Isola nonché  punto di riferimento per coloro che ne apprezzano la bontà, la genuinità e l’ospitalità.
Nella giornata di domenica 9 ottobre alle ore 10, il cuntrattu parteciperà alla Santa Messa presso la chiesa della frazione di Tabiano di Lugagnano val d’Arda. Per l’occasione i tenores seneghesi interpreteranno i canti religiosi di cui la tradizione sarda è ricca.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *