MOBILI PIRODDI DA 123 ANNI IN “SA RUGA ‘E PONTISCEDDU”


di Beppe Meloni

Non c’è più, come nel lontano passato, quel viale di pioppi che dalla fontanella del dazio, in via Tirso, proseguiva sotto la volta biancoverde verso Ponti Mannu, accompagnando le uscite fuori porta degli oristanesi. Uno spettacolo della natura che aveva appassionato il grande storico dell’arte Giulio Carlo Argan, che di Oristano amava ricordare, in un viaggio primi anni Cinquanta, quel viale di pioppi “che gli apparvero in una splendida giornata estiva, quando l’ombra verde marezzava l’asfalto”. E Peppetto Pau, oristanese doc innamorato della sua città, non aveva esitato a condannare sulla stampa lo scempio del bel viale alberato che aveva abbellito degnamente l’ingresso nord. E proprio al numero 12 di via Tirso, arteria commerciale d’eccellenza, aveva issato le proprie insegne, già dal 1893, la premiata ditta Aurelio Piroddi, che arrivava da Cagliari. Originariamente negozio di mercerie varie, aveva di tutto: zucchero, carbone, pasta e varechina. Molto simile a quelli gestiti da Pietro Gallus, Attilio Odoni, Salvatore Baldino, Pietro Crabai, Salvatore Sechi, che arrivavano soprattutto dal bosano. Poi, nella Oristano primo Novecento, quando dall’osteria Ledda cominciava a viaggiare verso i paesi dell’interno “ la diligenza” di Tzia Arrosa Ochi, e apriva al pubblico l’albergo ristorante Cocco & Dessì, l’emporio, passato ai figli Iginio e Claudio si è definitivamente trasformato in un classico negozio di mobili. Ad Aurelio è succeduto Iginio, che ha diretto l’azienda sino al 1994. Dopo la gestione di Marco con la figlia Luciana, oggi è la volta del giovane Francesco, 42 anni, un curriculum di tutto rispetto, chiamato a dirigere un’antica azienda proiettata nel futuro. Direttore finanziario di una società petrolifera, ha operato brillantemente all’estero per 10 anni, tra Francia, Russia e Kazakistan. Nel 2011 ha svolto un corso di architettura d’interni a Torino con la moglie Marina, e nel 2013 ha preso in mano l’azienda di famiglia, procedendo alla ristruttrazione del negozio storico di via Tirso, destinato a cucine, bagni e living. Il negozio – esposizione di via Cagliari tratta invece le multimarche di cucine e camere da letto. E, cosa che non guasta, in tempi di crisi come gli attuali, ha assunto tre progettisti e si avvale di una squadra interna di professionisti. La “Mobili Piroddi”, specializzata in  progettazione d’interni,  è iscritta all’albo delle aziende storiche della Sardegna con più di cinquant’anni di attività, e a quello dell’ Unioncamere nazionale, che comprende le imprese storiche con più di cento anni di attività commerciale. Istituito nel giugno 2011, in occasione del 150° anniversario dell’unità d’Italia.

Una risposta a “MOBILI PIRODDI DA 123 ANNI IN “SA RUGA ‘E PONTISCEDDU””

  1. Bongiorno ,
    la chiamo per rivendicare la paternita’ della foto e dell’oggetto della foto pubblicata sopra indicante la cassapanca e le sediette . la invito comunque a citare nell’argomento la provenienza e la nativita’ della cassapanca della nostra falegnameria storica tramandata da generazioni vedi sotto.
    La Storia.
    Mandis Delio ,e ora con Alberto e Sandro con il nome attuale ( Artisti del legno ) e’ artigiano del Mobile dal 1950 si tramanda da generazioni dal tardo 800”.
    Maggiore dei fratelli Mandis inizia l’attivita’ nei primi anni ’50 con l’ innovazione del mobile in Stile Rustico Sardo ,partecipa alle esposizioni piu’ importanti tra cui la Fiera Campionaria di Cagliari, e presente all’inaugurazione della Prima fiera del TAPPETO di Mogoro .
    Con l’avvento del turismo nell’ isola nei primi anni ’60 i suoi lavori improntati per lo piu’ sull’innovazione, sono stati richiesti per un tempo ininterrotto di circa 50 anni per la fornitura dei negozi lussuosi per arredamento della storica e prestigiosa piazzetta di Porto Cervo, da qui’ in poi a completare con l’apporto artistico dei figli le richieste sempre piu’ proficue di coppie d’autore (olio su tela) per clienti come Soffia Loren….. il tutto grazie ad un rapporto di collaborazione e di riconoscenza professionale della Sig.ra Contessa Medioli architetto e arredatrice di buon gusto, nonché proprietaria del centro storico di porto Cervo.
    allo stesso tempo a soddisfare la fornitura per alberghi e ville della Costa Smeralda, Santa Teresa, Villa Simius,Torre delle Stelle,Tortoli’,Arbatax,Villaggio Telis, sono stati di notevole importanza essendo i primi insediamenti di carattere storico alberghiero di lusso tutt’ora in attivita’ per il turismo dell’isola…
    Negli anni ‘ 60 è stato uno dei primi ad utilizzare il legno ginepro tutto in massello per i tavoli, e poi come "bordo per i tavoli in castagno"come ornamento, e successivamente per rifiniture per arredi in genere, tra cui l’ utilizzo a cubetti di ginepro nel 1980 incastonati a mosaico sui tavoli e sulle sedie ,di seguito la sperimentazione con altri legni, ulivo e ciliegio.
    Il suo lavoro artigianale è rappresentato infatti da una forma di lavoro immediato in cui l’occhio, la mano, la volontà di raggiungere uno scopo , il senso ed il piacere del materiale utilizzato, la fantasia ed in definitiva la capacità di dare una forma alla materia stimolano una costante propensione alla creatività dando origine all’innovazione …
    http://www.artistidellegno.it
    mobilimandis@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *