FRANCO FAIS VINCE IL GIGLIO FIORENTINO D’ARGENTO CON IL DOCUMENTARIO “ORO VIOLA”


di Bruno Culeddu

Franco Fais bissa in breve tempo il successo di “La Danza Dei Sacri Demoni” raccogliendo con il corto “Oro Viola” il premio GIGLIO FIORENTINO D’ARGENTO  alla 34° edizione del Valdarno Cinema Fedic.

La Giuria del Festival, composta da Marco Martani (Presidente di Giuria), Giulio Scarpati e Boris Sollazzo, dopo aver visionato le 27 opere ammesse al Concorso ha così motivato  l’importante riconoscimento:

“Per l’armoniosa fusione di immagine e suono in una narrazione naturale, nel senso più ampio del termine. E che diventa per lo spettatore un’originale esperienza sensoriale”.

Il film vede Franco Fais, oltre che alla regia, alla sceneggiatura, alla fotografia, al montaggio e alla produzione.

La musiche, invece, sono di Kevin MacLeod e Romeo Scaccia. Interpreti: la natura del Sinis.

Il documentario è un viaggio sensoriale nei colori e nei profumi della lavanda, coltivata nella penisola del Sinis, costa occidentale della Sardegna, patria dei Giganti di Mont’e Prama. Immagini arcadiche e oniriche ci conducono nel mondo dell’alchimia, dove dal fiore viola si estrae l’olio essenziale.

Franco Fais è artista eclettico e multiforme.

Nasce a Bonarcado nel 1957. Attore mimo, allievo di Marcel Marceau, Marise Flach, Angelo Corti e Yves Lebreton, si interessa a ogni stile teatrale e realizza spettacoli di diversa natura: mimo corporeo e pantomima, clown e magia comica, teatro di figura, teatro nero, teatro delle ombre. Costruisce e anima pupazzi in gommapiuma, burattini e maschere. Tiene laboratori di mimo, teatro delle ombre, teatro nero, teatro di figura e cinema. Il suo interesse per il cinema lo spinge a seguire i seminari di Alberto Mario Giralo, Obler Luperi, Bruno Fornara, Giuseppe Ferrara, Tullio Bernabei e Alessandro Beltrame.

Il suo documentario di 15 minuti “Sciola oltre la Pietra” ha vinto la medaglia di bronzo al Festival Internazionale di Cinema Indipendente a Danzica e la medaglia d’oro UNICA al XXXII ARS Film a Kromeriz, in Repubblica Ceca.

Dal 1983 insegna nelle scuole elementari e promuove esperienze didattiche innovative legate alle attività espressive.

Si è esibito con Elio Pandolfi al teatro lirico di Cagliari.

Ha inoltre inaugurato il C.E.T. di Mogol in Umbria con Federico Fazuoli, Vittorio Storaro, Vittorio Sgarbi e Giuliano Montaldo.

Si è esibito al S.I.A.L. di Parigi e nelle più importanti piazze del capoluogo francese.

Ha diretto: “Pinocchio a Milis” (2001), “Naskimenta” (2004), “Sinnos de mammai in su pane” (2004), Mamojada (2005), “Erentzia” (2008), “Fiori d’Autunno” (2009), “Sciola, oltre la Pietra” (2008/09), “Le regine di Austis” (2011 ), “I tre chiodi” (2012), “E ora Balliamo Noi” (2015), “La Danza dei Sacri Demoni” (2016) e “Oro Viola” (2016).

Ha conseguito numerosi premi e riconoscimenti. Fra i più importanti:

– per il film “Sciola oltre la Pietra”:

                • Valdarno Cinema Fedic: Premio giuria giovani, sezione documentario: per l’originalità del tema trattato e per la fluidità filmica con cui il regista comunica allo spettatore la filosofia dell’artista.

                 • Valdarno Cinema Fedic: selezionato per rappresentare l’Italia al concorso internazionale UNICA a Danzica.

                • Roma L’altro Corto: selezionato.

                • Federazione Italiana cineclub: selezionato per Open Event

                • UNICA, Festival Internazionale Cinema Indipendente a Danzica: Medaglia di bronzo.

                • XXXII ARS Festival Internazionale Cinema Indipendente a Kromeriz  Rep. Ceca: Medaglia d’oro UNICA.

                • 40° concorso nazionale di Cinematografia “Villa di Chiesa“ (Iglesias): 1°premio.

                • Sardinia FilmFestival: Premio Fedic d’oro. 

                • 38° Festival of Nations a Ebensee (Austria): Medaglia di bronzo.

– per il film  “Le Regine di Austis”:

            • Valdarno Cinema Fedic: all’unanimità Premio Fedic per il miglior film prodotto da un autore Fedic. Motivazione: per l’interesse antropologico di un’antica usanza che si sposa ad un ritratto partecipe delle donne coinvolte.

                     • Sardinia Film Festival: Premio Vetrina Sardegna, miglior film di autore sardo. Motivazione: per la sua capacità di raccontare un vivo spaccato etnografico di una tradizione antica ma tutt’ora presente, facendoci entrare in intimità con i suoi personaggi.

                     • 75° Festival UNICA, Festival Internazionale Cinema Indipendente a Fiebebrunn (Austria): Diploma d’onore

– per il film  “E ora Balliamo Noi”:

• Valdarno CInema Fedic: selezionato per rappresentare l’Italia al concorso internazionale UNICA in Romania.

– per il film ” La Danza dei Sacri Demoni”:

• festival Visioni Italiane, cineteca di Bologna, sezione Visioni Sarde: selezionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *