CHARLIE, SULLA VALLE DEL PARDU: LA SCOMMESSA VINCENTE DI LAURA LAI A ULASSAI

Laura Lai

di Michela Girardi

Sorge in un piccolo paesino abbarbicato sui tacchi dell’Ogliastra, Ulassai, il Charlie B&B dell’imprenditrice Laura Lai. Trentasetteanni, laureata in Scienze della Comunicazione, nella vita ha fatto di tutto: dall’assicuratrice alla macellaia. Ad aprile 2012 fa una scommessa, e decide di aprire un bed and breakfast a casa sua, in via Cerina 2. Con una vista mozzafiato sulla valle del Pardu e all’orizzonte lo spettacolare mare ogliastrino, non poteva fare (oggi può dirlo) scommessa migliore in un periodo storico che, con i giovani che vogliono fare impresa, non è sicuramente generoso. Vive con sua figlia Susanna di 16 anni e il suo compagno Max. La famiglia si allarga nel giardino  con Killah, Candy, Jared e Cinque ( due cani e due gatti). Dal 2012 il Charlie B&B è diventato crocevia di persone, di storie, che Laura racconta ogni giorno utilizzando sapientemente, da buona comunicatrice, i social per farsi promozione. La parlantina come sa bene chi la conosce, non le manca. In questa intervista racconta del suo Charlie.

Quando e perché hai deciso di dedicarti a questa attività? Aprile 2012, avevo appena finito il “cantiere comunale povertà estreme” nella Biblioteca del paese come assistente bibliotecaria e sapevo che quelli sarebbero stati i miei ultimi 4 mesi lì (feci lo stage universitario l’anno prima e un altro turno di quattro mesi con contratto a tempo determinato). Preparavo la tesi di laurea, ero separata da più di due anni, ero single, avevo 33 anni, una figlia alle scuole medie e pochi soldi in tasca. Ho deciso allora che un’area della mia casa immensa mi avrebbe potuto aiutare, almeno momentaneamente. La stagione era alle porte e ne ho semplicemente fatto di necessità virtù, senza tanta convinzione.

Cos’ha di speciale il tuo B&B? A cosa si deve il successo che il Charlie sta riscuotendo? Sicuramente la posizione strategica con vista mozzafiato sulla Valle del Pardu e il mare in lontananza ammirabili dall’ampia terrazza panoramica dove gli ospiti fanno colazione, si rilassano e vedono l’alba sono i suoi punti forza. Oltre alla peculiarità del designer interno. Pare poi che la locandiera, che abita al piano di sopra, sia gentile, solare e che faccia sentire tutti a casa. Ma questo lo dicono i clienti nelle loro recensioni! Credo che il successo sia la libertà di fare della propria vita ciò che si desidera, e io lo sto facendo.

Quanto sono importanti i social network e internet in generale per fare impresa? Sono fondamentali! Dietro una buona strategia di marketing c’è la presenza della propria azienda sui social e un buon utilizzo degli stessi. Facebook in primis ma anche Instagram sono dei potenti mezzi comunicativi a portata di tutti e sono immediati perché a “portata di mano”. Al contrario di quello che si può pensare, se lo scopo è quello di ottenere precisi risultati, non è per niente facile gestire un profilo aziendale. Lo strumento chiave di Fb per le aziende è racchiuso nella parolina magica Insights. Da quei dati capiamo se la nostra attività su fb sta funzionando, e in che modo e in che misura i contenuti della pagina coinvolgono il pubblico. Quindi, Fanpage Facebook, profilo Instagram, inserimento attività e relativa gestione su: Booking, B&B.it e Tripadvisor. Importante il sito internet ufficiale dove sono presenti tutti i bottoni di rimando ai vari portali sui quali il Charlie è presente. E c’è pure la gestione schedine-alloggiati sul portale del SIRED Ogliastra e su quello della questura di Nuoro. Insomma, non faccio solo colazioni, pulizie e accoglienza!

I principali motivi per visitare Ulassai Ulassai è una perla e motivi per visitarla ce ne sono tanti: l’arte di Maria Lai alla Stazione dell’Arte e lungo tutto il paese, la sapiente maestria delle giovani donne della Cooperativa Tessile, la Grotta Su Marmuri e la natura in generale, cominciando dalle cascate e continuando con i sentieri di trekking, le escursioni in mountain bike e le falesie di arrampicata sportiva. Le sagre, quindi folklore, cibo e vino. Senza dimenticare il clima, ovvero l’aria buona.

La soddisfazione più grande che questo lavoro ti ha regalato finora? La soddisfazione per eccellenza di questo lavoro sta nella soddisfazione di chi alloggia qui, nello stupore dei loro occhi appena varcano la soglia di casa guardandosi attorno, nei loro volti meravigliati quando vedono il tavolo colazione e gustano le mie torte guardando il mare oltre la valle, nel loro compiacersi di una gentilezza e disponibilità che fortunatamente sono già insite nella mia natura, nella commozione di certi addii mascherati da un “arrivederci”. Ho iniziato con due camere e un bagno in comune, ora ho tre camere tutte con bagno privato. Ho iniziato per gioco, o forse per disperazione, oggi sono al primo posto su TripAdvisor per la provincia Ogliastra e al 15esimo su 2040 B&B in tutta la Sardegna.La stagione 2015 ha registrato più del doppio delle presenze dell’anno precedente. Due settimane fa hanno bussato alla mia porta due inviate francesi de Le Petit Futé per inserirmi in quella che a oggi è una delle prime guide turistiche europee, e… Sono “l’imprenditore del mese” per Vistanet… più soddisfazioni di così! (ride, ndr)

Come vedi il Charlie tra 10 anni? Ho fatto tanti di quei capitomboli esistenziali che mi è difficile guardare così avanti. E chiedermi come vedo il Charlie tra 10 anni significa chiedermi come vedo me stessa tra 10 anni. Uno dei miei scrittori preferiti, Palahniuk, dice che il futuro che avremo domani non sarà mai lo stesso che avevamo ieri. Ecco, diciamo che me lo invento giorno per giorno il mio futuro, con grinta, entusiasmo, bei pensieri e il sorriso sulle labbra. E visto che il mio B&B è pieno di frasi scritte sui muri, concedetemi l’aforisma di Eleanor Roosevelt che capeggia nella Classic Room: “il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni”.

Perché il nome Charlie? Al tempo mia figlia Susanna guardava su Disney Channel il telefilm “Buona fortuna Charlie”, dove Charlie era il diminutivo di Charlotte, una bella bimba bionda con gli occhi azzurri che somigliava tanto alla mia piccola nipotina Carlotta, che già da un po’ chiamavamo, appunto, Charlie. Per non stare a spiegare ogni volta la cosa, sulla scia dei mie studi universitari legati al cinema e alla televisione, decisi di dare al B&B un’ impronta cinematografica. Chi meglio di Charlie Chaplin allora!?! Non mancano però anche i volti di Marilyn Monroe e di Audrey Hepburn accompagnati dai loro aforismi, più qualche altro contorno estetico qua e là.

Quanto è difficile essere donna nel mondo dell’imprenditoria? Quanto lo è stato in un comune piccolo come Ulassai?Tanto. Soprattutto quando dall’alto nessuno ti aiuta con i finanziamenti, ma è un mero discorso economico e burocratico. Per il resto credo che un imprenditore si crei da solo perché innanzi tutto è la sua immagine pubblica ad essere venduta, prima ancora del suo prodotto e/o del suo servizio. E non credo che in questo ci siano distinzioni particolari di sesso. Anzi!, son sempre stata convinta che noi donne abbiamo una marcia in più, basta saperla usare! Per quanto riguarda il posto, il fatto che si tratti di un piccolo comune ha avuto, paradossalmente, i suoi vantaggi. D’altronde lavoro con i forestieri, mica con i miei compaesani!

Qual è la tua ricetta per far funzionare il turismo in Ogliastra? Due anni fa l’Ogliastra fu eletta provincia più bella d’Italia dal Sole 24Ore. Abbiamo gli ingredienti vincenti che sono il nostro orgoglio e che fanno innamorare orde di turisti: chilometri di spiagge di sabbia finissima, rocce che finiscono a strapiombo su un mare cristallino, boschi di piante secolari, luoghi incontaminati, paesi arroccati a piedi di maestose montagne (i famosi Tacchi d’Ogliastra), cibo buonissimo, usi, costumi e tradizioni. Non esiste una ricetta. Esiste un momento in cui una persona motivata e talentuosa scopre l’opportunità e la coglie.

Hai alle spalle studi, viaggi ed esperienze. Perché hai deciso di scommettere tutto su un’attività come questa e di farlo nel tuo paese d’origine? Perché al cuor non si comanda e alla fine una serie concomitante di fortunati eventi mi ha tenuta qui. Fino a tre anni fa ho pensato di vendere tutto e ricominciare altrove, di ricominciare da me. Qui ora ho una bellissima figlia adolescente, un compagno fantastico, la mia famiglia d’origine, cani e gatti, e il Charlie è casa mia e un po’ di tutti quelli che ci passano. Guadagno giocando, son padrona di me stessa, studio sempre e viaggio ancora. Ma già incrociare tante vite qui è una ricchezza incommensurabile. Insomma, ho scommesso tutto con caparbietà e un po’ di incoscienza, ma alla fine ho vinto.

http://www.vistanet.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *