SECONDA PARTITA DEI PLAY OFF. LA DINAMO IMPATTA LA SERIE: DINAMO BATTE TRENTO ED E’ 1 A 1.


E alla quarta la Dinamo ribalta la Dolomiti Energia Trento. I sassaresi vincono (79-88) gara 2, riportano la serie in parità, si riprendono il fattore campo in questi quarti di finale dei playoff scudetto e ora hanno due matchball venerdì e domenica al PalaSerradimigni. E’ stata una gara nervosa e sofferta ma quando le emozioni si fanno forti Sassari non tradisce. Se Sosa è stato il killer in attacco, nel terzo quarto il dominicano ha tenuto da solo galla la squadra, giù il cappello davanti a Matteo Formenti che si è francobollato a Tony Michell. Lo ha sfiancato e innervosito, togliendo l’arma letale a Buscaglia e facendo tornare sulla terra Trento. Si perché Trento senza lo scatenato americano Mvp del campionato scende vertiginosamente di livello.

Sacchetti lancia in quintetto Kadji e Devecchi che si francobolla a Mitchell. E non a caso con l’ombra del buon Jack sull’americano Sassari parte da paura e fa un devastante 11-0 dopo due minuti di gioco costringendo Buscaglia a chiamare time-out. I trentini però escono dal minuto rinfrancati. Esce Devecchi e Mitchell si mette in moto. E’ lui con due triple e un’entrata a ridare fiato e soprattutto a rimettere in partita i suoi compagni e fa dieci punti in un amen, i bianconeri firmano un parziale di 9-0 ed è coach Sacchetti a chiamare minuto (12-13). Kadji prova ad allungare ma un gioco da tre punti di Pascolo porta i padroni di casa in parità: 5 punti di Spanghero per il sorpasso ma Logan non ci sta, Lawal va la doppia cifra e il quarto finisce 21-21.

Il secondo quarto si apre con triplona di Mitchell. Ma Sassari prova a dare un altro strattone alla partita e risponde con cinque punti di Brooks e una tripla di Logan, complici le palle perse degli avversari. I biancoblu tengono alta l’intensità con sette punti, J.Sanders e Owen sbloccano l’Aquila riportando lo svantaggio sotto la doppia cifra (29-36). trento riprende il sopravvento e Forray chiude il parziale bianconero 10-0. Sacchetti chiama minuto: al rientrocinque punti di Sosa danno ossigeno alla Dinamo. La difesa aggressiva di Formenti su Mitchell manda in confusione l’MVP del campionato, prima con una palla letteralmente sfilata dalla guardia numero cinque biancoblu, poi con un fallo in attacco sanzionato e un tecnico per proteste. Sosa ringrazia dalla lunetta e Kadji prova ad allungare, ma Forray e Owens tengono a galla i bianconeri. Un rocambolesco canestro di Lawal chiude il primo tempo 42-46.

Nel terzo quarto si parte con il libero di Pascolo, per fallo tecnico dato a Kadji in chiusura di secondo quarto. Poi Forray, Owens e Mitchell per il parziale di 7-0 per Trento che firma il sorpasso: 49-46. Sacchetti chiama subito time-out per fermare l’emorragia di punti. Sassari soffre ma pian piano si riprende. Edgars Sosa sale in cattedra e con le sue entrate spacca in due la difesa trentina. L’altro protagonista è Matteo Formenti che rimette il bavaglio a Mitchell e dall’arco firma il nuovo sorpasso biancoblu. Controsorpasso con Pascolo che risponde con la stessa moneta ma è ancora Sosa a condurre i suoi portandosi a quota 16 punti. È proprio un suo canestro dalla media a sancire il sorpasso sassarese e chiudere la terza frazione 59-61

Nell’ultimo quarto la Dinamo decide di accelerare e di prendersi la partita. La partenza è devastante, Trento cala vistosamente non ha più l’energia iniziale. Sassari piazza un parziale di 12-0 che vale il 59-71. I padroni di casa si aggrappano a Pascolo e Mitchell, ma Sassari stavolta fa la voce grossa e fa sentire il fisico a rimbalzo. La partita pian piano prende la direzione sassarese. Trento trova un controbreak con Sanders, Owens e Pascolo (66-73). Mitchell da tre cerca di riaprirla ma Sosa gli risponde con sfacciattagine superando i venti punti. A questo punto tocca anche a Dyson mettere la firma sul successo. Sassari sul71-83, Trento ci prova ma non ha più lucidità perde anche Mitchell per 5 falli, la Dinamo gioca con il cronometro e rimette la serie in parità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *