NUOVA SCONFITTA IN SARDEGNA PER IL CAGLIARI: PASSA ANCHE LA LAZIO 1-3. SPERANZE SALVEZZA SEMPRE PIU’ ASSOTTIGLIATE

i tifosi del Cagliari hanno perso la pazienza

Perde il Cagliari al Sant’Elia contro la Lazio. 3-1 per i biancazzurri, forse la squadra più in forma del campionato, che ottiene la settima vittoria consecutiva. I rossoblù ci hanno provato, a fermare la corsa della formazione di Pioli, ad un certo punto erano anche riusciti ad acciuffare il risultato con un gol di Sau, ma alla fine hanno ceduto nel braccio di ferro con un avversario che anche al Sant’Elia ha dimostrato tutto il suo valore. Lazio subito pericolosa, con un colpo di testa ravvicinato di Mauri, sul quale Brkic risponde alla grande. Al 31′ gli ospiti passano in vantaggio: Felipe Anderson dalla destra mette in mezzo un pallone che Mauri controlla e serve per l’accorrente Klose un assist impossibile da sbagliare. Due minuti più tardi Brkic esce bene ad anticipare Mauri. Al 41′ il Cagliari va vicinissimo al pareggio: punizione di Mpoku da fuori area, Marchetti vola e toglie il pallone da sotto l’incrocio, deviandolo sul palo. L’1-1 è solo rinviato: ad inizio ripresa infatti Sau, messo in moto da un assist verticale, tira di prima intenzione di destro. Sulla traiettoria interviene Mauricio, la cui deviazione trasforma la conclusione in una palombella beffarda, sulla quale Marchetti non può niente. Poco prima Brkic era stato splendido ad opporsi prima a Candreva, poi sul tap-in a Mauri. I tecnici operano i primi cambi. Doppio quello di Pioli, che inserisce Keita e Cataldi per Mauri e Candreva; Zeman mette dentro Ekdal per Dessena. Al 60′ la Lazio torna in vantaggio: Crisetig tocca Keita in area e Rocchi indica il dischetto. Biglia dagli undici metri spiazza Brkic. Al 67′ la Lazio potrebbe triplicare: ancora Keita va via verso Brkic, Diakité non può fare altro che stenderlo. Nuovo rigore e rosso diretto per il difensore francese. Stavolta però Biglia spedisce alle stelle dal dischetto. Zeman corre ai ripari, mandando dentro Capuano al posto di Farias per rinsaldare la difesa. La Lazio, in vantaggio numerico, tiene palla, anche se il Cagliari ci mette il cuore. Sau tocca al centro per Mpoku, che non riesce a concludere, murato dai difensori laziali. La Lazio in contropiede potrebbe triplicare, tocca a Brkic opporsi a Keita (sul cui tiro salva Balzano sulla linea) e a Felipe Anderson. Cop subentra allo stremato Sau al 78′. Al 2′ dei 5′ di recupero, la Lazio trova anche il terzo gol: punizione di Parolo che infila l’angolo lontano alla destra del portiere. Finisce 3-1, il Cagliari rimane a 5 punti di distacco dall’Atalanta, quart’ultima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *