PINOCCHIO A CONFRONTO? UN DILETTANTE. LA FARSA DELLA VENDITA DEL CAGLIARI CALCIO SEMBRA VOLGERE AL TERMINE: LO COMPRA GIULINI (FLOURSID)


La telenovela Cagliari-Cellino è terminata. È stato firmato oggi un preliminare d’acquisto per 45 milioni di euro tra il presidente e Tommaso Giulini, amministratore delegato della Fluorsid, società chimica sarda fondata nel 1969. Cellino lascia la società dopo 22 anni. Tommaso Giulini, ex componente del Cda dell’Inter, ha vinto dunque la concorrenza della cordata Usa rappresentata da Silvestrone. Dopo l’incontro di Miami di una settimana fa sembrava fatta per il nuovo Cagliari versione Usa con conferme e strette di mano. E ieri, dopo il via libera della commissione provinciale di vigilanza per il Sant’Elia a sedicimila posti, si aspettava solo la sigla del contratto. E invece l’ha spuntata Giulini. Attraverso un’intervista all’Unione Sarda, Cellino aveva smascherato la cordata americana: “Non ho notizie di Silvestrone e Meis dal giorno dell’incontro”. È dal 1° febbraio, del resto, che l’ormai ex patron del Cagliari cerca un acquirente: quella è la data in cui lui ha rilevato il 75% del LeedsCinque giorni dopo rivelò di aver ceduto la società sarda, senza rivelare il nome dell’acquirente. In realtà, semplicemente non esisteva. Anche perché nel frattempo i problemi di Cellino (accusato di evasione fiscale) hanno ritardato il suo sbarco in Inghilterra, diventato ufficiale solo ad aprile. A quel punto l’addio alla serie A si è reso inevitabile: le trattative con gli americani, interessati anche al Sant’Elia, sono diventate sempre più fitte fino al presunto accordo trovato il 28 maggio con la cessione della società per 80 milioni. Tutto finito? Sì, ma più di una settimana dopo e con un altro acquirente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *