TRASPORTI, L'ANTITRUST CONTESTA: PREZZI TROPPO ALTI, STOP A TIRRENIA E MOBY


L’Antitrust contesta il mancato rispetto delle regole nel passaggio dell’ex società statale a Cin Multate dal Garante per il caro-biglietti: oltre i limiti previsti Prezzi alle stelle e Tirrenia e Moby finiscono sotto la scure dell’Antitrust. Le due compagnie non hanno rispettato le regole sulla concorrenza e per questo sono state multate: 271mila euro per l’ex società statale e 500mila euro per quella di Onorato. Nel mirino ci sono soprattutto i rincari sui biglietti per la Sardegna. La decisione è legata al mancato rispetto da parte delle due compagnie di quanto deciso nel 2012, al momento dell’acquisizione di Tirrenia da parte di Cin. Allora l’Antitrust aveva dato l’ok all’operazione ma aveva imposto precise regole. Tra queste aveva previsto che Moby e Cin nel 2012 applicassero «livelli tariffari tali da mantenere invariato il ricavo medio unitario già realizzato da Moby nel 2009», cioè prima dell’aumento spropositato delle tariffe, sulla Civitavecchia-Olbia, Genova-Porto Torres e Genova-Olbia. Le tariffe, insomma, non sarebbero dovute crescere salvo l’adeguamento al prezzo del carburante. Ebbene per l’Antitrust, in base ai ricavi della stagione, Moby e Cin avrebbero invece aumentato le tariffe oltre i limiti previsti. Sulla Civitavecchia-Olbia, ad esempio, Moby avrebbe imposto incrementi del 115-120% in più rispetto al 2009 e Tirrenia sino a +125%. Sulla Civitavecchia-Porto Torres i biglietti sono stati più cari del 75% per Moby e del 65% per Tirrenia e sulla Genova-Olbia, invece, i rincari sono stati dell’85% per la società di Onorato e del 45% per l’ex compagnia di Stato. Considerato il caro carburante, però, gli aumenti non avrebbero dovuto superare il 45% dei costi del 2009 per Moby e il 57% per Tirrenia. Il via libera all’acquisizione della nuova Tirrenia prevedeva, inoltre, che le società non potessero stipulare per quattro anni (sino al 2016), «o dovessero rescindere con effetto immediato», gli accordi di code-sharing per la commercializzazione reciproca dei biglietti sempre sulla Civitavecchia-Olbia, Genova-Porto Torres e Genova-Olbia tra operatori concorrenti. Secondo il Garante, però, l’accordo di code-sharing tra Moby e Gnv sarebbe rimasto in essere anche dopo il 28 giugno (data di notifica del provvedimento dell’Autorità) sia sulla Genova-Porto Torres («dove la vendita di biglietti condivisi è andata avanti sino al 15 agosto 2012» come si legge nel provvedimento di sanzione), sia sulla Civitavecchia-Olbia. Per il Garante queste «violazioni avrebbero inciso negativamente sulla concorrenza» e pertanto devono essere sanzionate, appunto, con 500mila e 271mila euro. La decisione dà ragione alla Regione sarda che da tempo denuncia i rincari spropositati dei biglietti navali. «L’Antitrust riconosce ancora una volta la fondatezza delle nostre denunce contro i signori del mare», commenta il presidente Ugo Cappellacci. «É l’ennesima prova che, così com’é, il sistema dei collegamenti marittimi non può andare avanti. Il diritto alla mobilità dei sardi non può essere degradato a benevola (e solo eventuale) concessione, ma deve essere pienamente effettivo e protetto da garanzie adeguate». Per questo, secondo Cappellacci, la Sardegna «non può essere più vincolata da decisioni e contratti discussi e decisi da altri. Rivendichiamo ancora un volta», conclude il governatore, «il passaggio delle competenze e delle risorse sulla continuità territoriale marittima alla Regione».

3 risposte a “TRASPORTI, L'ANTITRUST CONTESTA: PREZZI TROPPO ALTI, STOP A TIRRENIA E MOBY”

  1. Sono innamorato della sardegna con molti sacrifici o acquistato nel 2005 un piccolo appartamento a budoni Ma mi trovo nelle condizioni di doverlo vendere perche e diventato proibitivo il costo dei biglietti navali e
    le tasse sulla seconda casa . siamo abituati a passare il mese di agosto nella vostra meravigliosa isola e passare qualche weekend quando troviamo le promozioni meridiana spero tanto che la situazione trasporti verso la sardegna migliori
    Salutissimi da un carrozziere torinese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *