L'UMANO LINGUAGGIO DEL DISTACCO: TEMPO D'ESTATE, TEMPO TRISTE DI ABBANDONO DEGLI ANIMALI DOMESTICI


di Valentina Usala

Il vento fresco degli umani regala una piacevole pennichella, conciliata dalla corsa dell’auto e dalle voci dei sapiens che confabulano tra loro concitatamente. Socchiudo ancora gli occhi, sistemando l’orecchio rimasto tra la zampa e la testa. Forse siamo arrivati, però: la cuccia con le ruote si è fermata. Aprono lo sportello ed io mi faccio trovare pronto come sempre: testa alta, scodinzolo, così capiscono che sono felice, li guardo negli occhi e il mio amico afferra il collare per aiutarmi a scendere. Ehi, ma che modi sono? Perché tutta questa violenza? Nessun guinzaglio. Accelerano. Dove andate? Parcheggiate? Aspetto qui? Si sono allontanati troppo, forse è meglio che li segua: ma dove sono finiti? Non li vedo più. Li chiamo, così mi sentiranno. Piango. Torneranno indietro? Inizio a camminare da qualche parte arriverò. È ormai buio e si vede nessuno. Quante auto! Ecco sì, mi stanno aspettando. Che stupido che sono, saranno anche preoccupati nel non vedermi arrivare. Fiuto per sentire l’odore di casa. Quante luci! E cosa sarà mai quell’aggeggio immenso. Mi avvicino ad esso e per poco non precipito in acqua. Sento fischiare, mi dirigo subito verso quel signore, perché mi sa che sta cercando me. Devo stare attento, qui le cucce iniziano a muoversi e ad entrare su questo coso che fuma dall’alto. Entro anch’io, troverò quel che cerco con calma. C’è un caldo infernale. Sono stanco, ho fame, sete e ancora solo. Riposo un pochino nascosto, dopo proseguirò la ricerca. Le luci del mattino mi svegliano. Non ci sono più molte auto. Scendo anche io. Una ventata d’aria fresca: tanti colori, odori che non conosco, ancora acqua attorno. Sono stremato, ma cammino ancora. Sono solo e senza meta. Che ne sarà di me? Monti a macchie. Sì, mi ci addentro a coda bassa, amareggiato. Ho capito. Non conosco il vostro linguaggio cari umani, ma so che quel che avete fatto si chiama abbandono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *