CON IL PLURIPREMIATO BORTIGALESE ANTONIO SANNA, CONVINCE ED AVVINCE LA POESIA SARDA IN RIMA


di Cristoforo Puddu

Cogliere altro ed oltre l’apparente aspetto dell’esistenza e dei sentimenti -ossia sorprendere la quotidianità con parole che comunicano emozioni- è certamente il segreto alimento del miracolo-poesia che ha attraversato ed ammaliato generazioni e generazioni, con testimonianze liriche cariche di travolgenti idealità e riflessioni di significativa umanità. L’intramontabile passione lirica ha un serbatoio inesauribile di cultori ed interpreti nelle diverse aree territoriali e linguistiche dell’Isola; una sorgente perenne (‘ena mannantiale) di versi diffonde poesia “ispirata” a taulinu attraverso un sorprendente e radicato  circuito di concorsi letterari locali che acuiscono, o forse sopperiscono, la graduale “scomparsa” della grande e tradizionale poesia estemporanea. E proprio in quella categoria di premi, segnati dalla tradizione poetica sarda in rima, si va affermando il bortigalese Antonio Sannia: due anni di continui riconoscimenti lo hanno rivelato e consacrato nella ristretta cerchia degli attuali poeti pluripremiati. Sannia -tra il plauso di critica ed estimatori- si caratterizza per i profondi e meditati settenari ed endecasillabi dalla gradevole estetica con intrecci di musicalità, quasi a voler ribadire la teoria dantesca che la poesia si realizza e compie con “parole per legame musaico armonizzante”. I componimenti del poeta marghinese richiamano a valori civili e religiosi di elevata dimensione spirituale (significati di esperienza privata coltivati e compresi con la vita) che con “illuminismo” impegnano il poeta e la poesia ad un compito “educativo” e di aderenza all’attualità e realtà sociale. Analizzando i testi del Sannia (classe 1954 e pensionato dal Banco di Sardegna si è occupato, in qualità di Direttore Artistico, dell’attività dell’Associazione Gruppo Folcloristico e Culturale di Bortigali) abbiamo la conferma e i segni evidenti della qualità del lavorio letterario, ma soprattutto l’arricchimento di recepire la voce della realtà che continua a parlare alla sensibilità di uomini che la ricercano per esprimere sentimenti, esaltare l’originalità e vitalità della cultura lirica in limba e sorprendere di emozioni con l’incisività dell’atto poetico. I recenti allori conseguiti da Antonio Sannia -di assoluto pregio quelli di Nuoro, Posada, Trinità d’Agultu, etc.- legittimano un percorso di scrittura conoscitiva, esistenziale e talvolta di riferimento etico. Certamente poesia che convince e avvince per quell’unicità nel trasmettere messaggio ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *