I SUONI DEL CAMPIDANO: SINO AL 13 OTTOBRE, "CULTURE FESTIVAL" CON LA DIREZIONE DI SIMONE PITTAU


di Brunella Mocci

Simone Pittau tiene ben salde le sue radici a Sanluri. Come suo padre e suo nonno, entrambi musicisti. E suo bisnonno, Francesco Pittau, che fu tra i fondatori della banda musicale “Amilcare Ponchielli”nella quale si sono perfezionati musicisti che hanno fatto della musica la loro professione ad alti livelli anche nell’orchestra del teatro Lirico di Cagliari. Simone Pittau vanta un curriculum di tutto rispetto, ha studiato composizione, pianoforte e percussioni al conservatorio di Cagliari dove si è diplomato in violino. Si è specializzato con grandi violinisti, fino ad essere, dal 2002 ad oggi, primo violino nell’orchestra di Ennio Morricone. Nel 2001 ha anche debuttato a Londra come direttore d’orchestra, dirigendo in concerto la London Symphony orchestra, a cui sono seguite negli anni tante altre prestigiose direzioni. Nel  2003 ha fondato l’Orchestra da Camera della Sardegna, formata da musicisti sardi che lavorano con grande successo in tutto il mondo.  Sanluri ha da sempre una storia musicale importante, anche attraverso la Banda Musicale Ponchielli che ha sempre valorizzato e fatto emergere i giovani, e questo ha suggerito a Simone Pittau il progetto della Scuola Civica di Musica di cui avrebbe curato con entusiasmo e professionalità la programmazione e la direzione artistica. Un progetto importante, dedicato ai giovani per permettere  loro di avvicinarsi alla musica, trovando in questa non soltanto una risposta al vuoto circostante ma una grande occasione di crescita culturale ed umana. Anche per queste ragioni appare incomprensibile che il progetto sia stato bocciato per questioni economiche dall’amministrazione comunale di Sanluri.  Perché avrebbe avuto forte una ricaduta in termini sociali. La musica come mezzo per conoscere se stessi e le proprie potenzialità, la musica come apertura verso il mondo e le sue infinite sfumature. Ed insieme alla manifestazione del Culture Festival, avrebbe contribuito a fare di Sanluri un centro culturale musicale e di riferimento per tutta la Sardegna, coinvolgendo anche i paesi circostanti. Simone Pittau è fondatore e direttore del “Culture Festival”, che racchiude vari generi artistici quali musica, letteratura, teatro, danza e pittura. Il festival è giunto quest’anno alla sua  5° edizione e si svolge  attraverso una serie di eventi diversi nei paesi della provincia del Medio Campidano. Il progetto di di quest’anno permette anche di percorrere un itinerario artistico molto interessante, grazie alla ricerca di  location particolari per i diversi eventi come ad esempio la bellissima corte interna del  castello giudicale di Sanluri, le chiese di Mogoro e Simala o il parco verde di Burcei. In un felice percorso di valorizzazione del tessuto urbano meno conosciuto dei nostri piccoli paesi insieme ai nostri migliori talenti artistici e musicali. Un viaggio musicale e letterario, di cultura e conoscenza che pensiamo sia importante. Un viaggio che contribuisce a presentare non solo ai propri  abitanti ma anche ai turisti, che intervengono ogni anno più numerosi ad ogni evento culturale, anche  i tanti colori e sapori dei nostri piccoli centri del Campidano. Un connubio importante da molti punti di vista, non ultimo quello meramente economico dato che, grazie all’incremento di presenze, vengono coinvolte durante i mesi del festival anche le strutture ricettive, i ristoranti, i b&b, gli agriturismo e vengono maggiormente visitati anche i piccoli musei locali. Una ricaduta evidente e legata ad ogni evento, che valorizza quindi al meglio quelle località dell’interno spesso distanti dai flussi turistici estivi delle località costiere. Siamo quindi onorati di poter far parte di quella comunità che ogni anno si muove intorno al Culture Festival di Simone Pittau  perchè pensiamo insieme a lui che contribuire a far crescere l’amore per il bello, per la musica e l’arte in tutte le sue molte e svariate forme resti oggi  l’unica via per  combattere il deserto culturale che, anche a causa della crisi economica e selvaggia, aggrava ancora di più il disagio sociale, l’abbandono ed il calo demografico dei piccoli centri della  Sardegna. Ed il Culture Festival è parte di questa felice forma di lotta attraverso l’Arte.  Per questo, sino al 13 ottobre una carovana di letterati, musicisti di rilevanza internazionale, pittori e scrittori offriranno la propria arte  lungo le strade del campidano Culture Festival.

www.culturefestival.eu

Una risposta a “I SUONI DEL CAMPIDANO: SINO AL 13 OTTOBRE, "CULTURE FESTIVAL" CON LA DIREZIONE DI SIMONE PITTAU”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *