TOTTUS IN PARI, 282: SULLA VIA DELLA SETA. (A 200 anni dalla morte di Francesca Sanna Sulis, nobildonna sarda, grande imprenditrice)

282
Per visionare integralmente il numero 282 di TOTTUS IN PARI, cliccare sulla copertina nella colonna di destra.
Se vuoi entrare nella mailing list per ricevere la pubblicazione sul tuo pc, richiedila a piffilandia@tiscali.it

2 risposte a “TOTTUS IN PARI, 282: SULLA VIA DELLA SETA. (A 200 anni dalla morte di Francesca Sanna Sulis, nobildonna sarda, grande imprenditrice)”

  1. Vi seguo da diverso tempo e mi premeva farvi i complimenti. Complimenti vivissimi per il vostro blog che fa onore ai sardi emigrati e anche alla Sardegna. Quasi da non crederci che sia fatto da sardi per i sardi. Conoscendo la mentalità isolana, in cui ognuno coltiva il proprio orticello, questo spazio è invece un giardino in cui tutti possono coltivare il proprio spazio e farlo conoscere agli altri. Siete riusciti in una cosa non da poco. E fate un’informazione preziosa che i giornali esistenti oggi in Sardegna si sognano per interessi e logiche di mercato che non rispettano però, quel popolo che vive lontano dall’isola. E non parlo solo dei quotidiani, ma anche di giornali come il Messaggero Sardo che dovrebbe difendere l’altra Sardegna ma che è perennemente in difficoltà e non è al passo con i tempi, perlomeno sotto il profilo tecnologico. Andate avanti così.. vedo l’entusiasmo giovanile in chi coltiva quotidianamente lo spazio e mi fa piacere che sia così. Unico appunto: lasciate fuori la politica. Non serve, non unisce ma divide. E questo blog che vedo che ha una storia che parte da lontano (dal 1997), è fatto per unire…tottusinpari!

  2. Caro direttore,
    è veramente straordinario ciò che avete fatto e ciò che state facendo per innalzare usi e costumi e personaggi della cultura generale sarda.La storia di un antichissimo popolo che non ha mai abdicato.Nè mai abdicherà.So del grande vostro sacrificio economico,soprattutto attraverso i circoli sparsi i tutta Italia.Tutto ciò vi fa onore.La mia carissima amica e cantante “Ambra Pintore” merita qualcosa in più nello scenario artistico nazionale.Ha una voce straordinaria.Una boghe…Cercherò di darle una mano.
    Ho conosciuto il presidente Cossiga quand’era Ministro dell’ Interno.Abbiamo perso un grande giurista-intellettuale.Moltissimi leader della politica non lo hanno capito.La storia, come sempre si ripete:siamo incompresi.
    Un cordiale saluto a tutto lo staff del giornale e un saluto di cuore a tutti gli emigrati che,per varie ragioni hanno dovuto lasciare la propria terra in cerca di lavoro.
    Tolu Paolo
    Vergiate
    topart.tolu@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *