Mariann Fischer Boel, Commissario Europeo, tre giorni in Sardegna per sostenere l'agricoltura

di Annalisa Bernardini

 

Nella visita organizzata da Confagricoltura, al commissario Ue sono state mostrate le eccellenze ma anche i problemi del settore. Regione, Governo e Unione europea riuniti per analizzare i problemi dell’agricoltura sarda. L’occasione è offerta dalla visita nell’Isola del commissario europeo per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale, Mariann Fischer Boel, come unica tappa italiana. Visita a cui ha partecipato anche il ministro delle Politiche agricole, Luca Zaia. Tre giorni densi di appuntamenti organizzati da Confagricoltura per far conoscere all’Europa la realtà isolana. Per uscire dalla crisi che attanaglia le oltre 37 mila aziende agricole sarde (secondo la stima dell’associazione) e soprattutto nel settore trainante, quello ovino e caprino (34%), occorrono interventi importanti come ha ricordato l’assessore regionale all’Agricoltura Andrea Prato durante la presentazione della visita. «Finanziamenti che devono rimediare a 9 anni di eventi calamitosi aggravati dallo stato di insularità», ha spiegato Prato. Questa è stata una delle richieste che la Giunta sottoporrà alla Fischer Boel alla quale hanno fatte vedere le eccellenze della Sardegna ma anche «le arretratezze del comparto per le quali occorre porre rimedio». Gigi Picciau, presidente regionale di Confagricoltura, chiede invece che si pensi al futuro e non, «come chiedono ancora alcuni operatori, i danni per la mancata attuazione delle legge 44», dice. «Per crescere dobbiamo programmare per il futuro». Per questo ritiene sia fondamentale discutere dei problemi con figure di alto livello come la Fischer Boel «anziché scendere in piazza». Alle imprese sarde, a suo dire, deve essere riconosciuto la fiscalità di vantaggio per alleviare i disagi dell’insularità e poter competere con il panorama internazionale. Per conoscere la Sardegna, il commissario si è spostato in elicottero vedendo i territori e anche i danni provocati dal fuoco. La Fischer Boel, inoltre, è stata accompagnata in alcune aziende isolane: in particolare ha fatto tappa nell’azienda dei fratelli Manca a Siamanna, nella società Amalattea di Villagrande specializzata nella produzione e vendita di prodotti di latte di capra. Dopo una sosta a Badde Salighes, il commissario ha visto anche l’azienda vitivinicola di Ferruccio Deiana a Settimo San Pietro. L’ultimo giorno è stato dedicato agli incontri istituzionali: la visita in Consiglio regionale e una tavola rotonda sul tema Pac dal titolo "La crisi dei mercati e la strategia di intervento".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *