A Ollolai e sa zente amantiosa de s'istrumpa

di Cristoforo Puddu

 

S’ISTRUMPA

 

(a Ollolai e sa zente amantiosa de s’istrumpa)

 

S’estru dilliriadu e talentu

chi moet sos gherradores a istrumpa

at sa cuncordia e lestresa

de arcanas danzas sardas –

impressidos e seguros passos

de arte e ischibbulia antiga

torrant chentza tempus

cun sinnos lieros e balentes.

 

Sa fieresa areste

de gherradores atrividos

illacanat e imberghet

in s’identidade de populu –

in cuntierras sinzillas

miramentadas in coro de sa zente.

 

E fintzas oe

si chircat umanidade

ue afrancare brussu e poddighes

e oferrere sempre zarru

s’abbratzu a totu chitu

pro unu sonniu de amistade.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(L’entusiasmo delirante e il talento

che anima i lottatori de istrumpa

ha la destrezza e armonia

di misteriose danze sarde –

rapidi e decisi movimenti

di disciplina e irrequietezza antica

rivivono senza tempo

coi segni di pacifica forza.

 

La fierezza indomita

di lottatori audaci

sconfina e attinge

nell’identità di popolo –

nelle sfide leali

custodite nel cuore della gente.

 

E ancora oggi

si cerca umanità

nella presa a polso o sulle dita

e offrire sempre pari condizioni

nell’abbraccio a totu chitu

per un sogno di amicizia.)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *