IL SOGNO DI VOLARE: DALL’ISOLA ALLA SPAGNA E ALLA POLONIA, LA STORIA DI ANDREA MANCA


di Monica Magro

Dalla Sardegna verso la Spagna, poi a Malta, fino ad arrivare in Polonia per realizzare il suo sogno: diventare comandante di volo. Con la nostalgia, sempre viva, per “l’odore della macchia mediterranea d’estate”. L’avventura di Andrea Manca, 31 anni, originario di Quartu Sant’Elena è partita quando aveva solo 18 anni. “Vuoi diventare un pilota di aerei?”: la domanda gliela aveva rivolta il padre che lo ha sempre supportato in tutto il suo percorso. Una prospettiva eccitante per un ragazzo giovane che spesso però ignora le difficoltà che può riscontrare un diciottenne lontano dalla sua famiglia. Così dopo aver iniziato la scuola di volo all’aeroclub di Cagliari, ha deciso di iniziare tutto daccapo a Madrid.

“La scuola qua era limitata, allora mi sono trasferito a Madrid per iniziare un nuovo corso, senza nessun contatto, senza conoscere neanche una parola spagnola – racconta Andrea – non è stato facile integrarmi, le lezioni si svolgevano tutte in lingua spagnola”. Ma fortunatamente, dopo qualche mese, grazie anche all’appoggio dei suoi compagni di corso, Andrea è riuscito ad adattarsi. Ma la nostalgia di casa era sempre forte: “Mi mancava tutto, la famiglia, gli amici, il cibo, la mia casa, il mare”. In breve Andrea è riuscito ad ottenere tutte le licenze di volo per diventare un pilota di linea. Dopo anni di corsi ha deciso di abbandonare Madrid per iniziare a fare qualche esperienza lavorativa. È arrivato così a Malta, dove ha fatto un corso di sei mesi e ha iniziato a lavorare per la compagnia aerea ‘WindJet’, con base a Palermo, fino allo scadere del suo contratto, nel 2011.

“In quel periodo trovare lavoro per un pilota era pressoché impossibile ma riuscii a trovare una compagnia lituana con un solo aereo”, ha raccontato Andrea. Così per lui è iniziata una nuova vita: “Senza pensarci, il giorno dopo ero già a Southampton per il processo di selezioni dove ne uscii vincente”. Tutt’ora il giovane pilota lavora per la stessa compagnia ‘Small Planet” con base a Varsavia ed è il comandante di un aereo che trasporta 220 passeggeri con destinazioni in tutta Europa, Africa e Medio Oriente.

Per lui è arrivato anche l’amore ed è diventato papà da qualche mese. Andrea descrive la Polonia come “un grande paese molto attaccato alle origini, è ancora facile trovare luoghi dove le tradizioni sono forti e invariate. Nel passato non ha mai brillato economicamente ma ora sta avendo un boom finanziario con una crescita esponenziale, la compagnia per la quale lavoro in soli 4 anni è passata da una flotta di un aereo sino a quella attuale di 21”. L’unica pecca, secondo Manca, è “la mentalità della gente, specialmente le vecchie generazioni, e il clima invernale”. Per questo torna sempre in mente la Sardegna: “Ho visto tanti posti, ma mai affascinanti come la nostra Isola, che più che ospitarci ci fa da madre, ci insegna amicizia, valori, rispetto e come ogni madre non ci vuole mai lasciar andare via dal suo grembo”. Perciò, nel caso del pilota sarebbe bello tornare a vivere nella nostra terra: “Tornerei domani stesso se potessi ma non posso vivere di solo mare e sole e la nostra terra non offre molte possibilità alle persone che fanno il mio lavoro. Potendo scegliere nascerei in Sardegna altre mille volte, ciò che mi manca di più è l’odore della macchia mediterranea d’estate”.

http://www.sardiniapost.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *