IL 3 DICEMBRE A PORTOSCUSO, LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI GIORGIO SALIS “SULCI – UNA NUOVA IPOTESI STORICA”

Sabato 3 dicembre alle ore 18, a Portoscuso presso la Sala Alcoa, Giorgio Salis presenterà il suo libro “Sulci: una nuova ipotesi storica” (pettirosso editore). Ad accompagnare l’autore nella discussione sarà il poeta e editore, Claudio Moica. 

L’evento è organizzato con il patrocinio del comune di Portoscuso, assessorato alla cultura.

Giorgio Salis è nato a Portoscuso nel 1951. Ha frequentato l’I.T.I.S. Scano di Cagliari dove ha conseguito il diploma di perito elettrotecnico. Nel 1973 viene assunto dalla società Alsar per svolgere l’incarico di capoturno in sala elettrolisi. Nel 1984 con altri colleghi, viene trasferito al  C.T.P., per occuparsi di ricerca e sviluppo. Nel 1995, con i colleghi del centro tecnico processi viene  trasferito all’Eurallumina S.p.A., con la mansione di elettricista nel reparto distribuzione  elettrica. Dal 2010 è in pensione e si dedica alla sua passione: storia e archeologia. Fa il volontario presso la Pro Loco di Portoscuso, occupandosi prevalentemente della Torre  Spagnola. Quest’opera è la sua prima pubblicazione.

Dalla Prefazione: “Il lavoro di Giorgio Salis parte dal suo pluridecennale interesse per la storia della nostra isola, che ha studiato con passione, e  dall’amore per i propri luoghi dimostrato  anche dall’impegno profuso nelle attività delle associazioni cittadine. Tutti gli  approfondimenti e le tesi presentate nel libro sono frutto di consultazioni di carte, documenti, osservazione di luoghi che hanno indotto l’autore a porsi delle domande e a  invitare anche i suoi lettori a porsele e ad approfondire su ciò che ci circonda e ciò  che ci ha portato a essere ciò che siamo come popolo. Questa ricerca è preziosa proprio  perché  i punti interrogativi presuppongono delle risposte, secondo l’autore, ancora da  trovare o confermare.”

Un commento su “IL 3 DICEMBRE A PORTOSCUSO, LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI GIORGIO SALIS “SULCI – UNA NUOVA IPOTESI STORICA””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *