DAL 25 AL 28 AGOSTO A NEONELI (OR), IL FESTIVAL CULTURALE “LICANIAS” QUEST’ANNO NEL SEGNO DI ‘PERIFERIE’

di RICCARDO SGUALDINI

Torna a Neoneli (OR) Licanìas, il festival di parole, arti e paesaggi promosso dall’Amministrazione comunalecon il coordinamento artistico/culturale di Umberto Cocco e Francesca Atzas. In programma nel cuore del Barigadu, da giovedì 25 a domenica 28 agosto, quattro giornate di incontri, confronti, libri, musica e arti visive. Insieme, tra gli altri ospiti, a Paolo Nori, Maria Rosal Nadales,Christian Raimo, Monica Demuru, Franco Zecchin, Emilio Casalini, Barbascura X, Alex Britti e Flavio Boltro (in collaborazione con Dromos).
 
Periferie” sarà il tema di questa edizione, andando oltre il concetto geografico o urbanistico e ammettendo che la periferia si trova ovunque non ci sia attenzione, ovunque non ci sia investimento, ovunque non ci sia cura dei luoghi e delle persone. «Ma forse – riflettono i due coordinatori – non tutto è perduto, e c’è vitalità in quel margine, forme di resistenza si attivano, creatività, arte, culture, sguardi originali, anche di sbieco. Forse partendo dalla periferia, anziché muoversi per raggiungere il centro si potrebbe affermare un discorso inclusivo, in cui ogni parte del corpo unitario trova spazio e attenzione».

  • Al via giovedì 25 agosto

 
Taglio del nastro giovedì 25 agosto nel segno di Letizia Battaglia, con l’inaugurazione della mostra (ore 19,00 in Sala Corrale) Letizia Battaglia: sguardi sul mondo reale, a cura dell’Associazione Su Palatu Fotografia. Un omaggio alla grande fotografa e attivista siciliana morta a Palermo lo scorso aprile, ospite d’eccezione della scorsa edizione di Licanìas, per una delle sue ultime apparizioni pubbliche.
 
A chiudere la serata sarà lo spettacolo Il genio non esiste?,di e con Barbascura X, popolare ricercatore e divulgatore scientifico, scrittore, youtuber e performer comico. Il suo show (ore 22,00 in piazza Barigadu) è un viaggio ironico e sarcastico attraverso le idee di sei grandi menti della storia.

  • Venerdì 26

 
Venerdì 26 agosto si comincia invece al mattino con due incontri in programma a Casa Cultura. Alle 10,00 è protagonista Eliano Cau, che in dialogo con Francesca Atzas affronta i temi del suo Se l’inverno declina (Condaghes), la storia dell’educazione sentimentale del giovane Eros, ambientata tra la Sardegna e il Piemonte degli anni ’70. Dalle 11,30 sale in cattedra Luciano Marrocu, romanziere e storico, autore per Laterza di Storia popolare dei sardi e della Sardegna, in conversazione con lo scrittore Mauro Tetti.
 
Gli appuntamenti del pomeriggio si spostano in Largo Margherita, dove Giada Ceri presenta il suo La giusta quantità di dolore (Exòrma), accompagnata da Francesca Mazzuzi a partire dalle 17,00. A seguire un nuovo focus su Letizia Battaglia, con Franco Zecchin, che di Battaglia fu compagno di vita e di lavoro per quasi vent’anni, e con Sabrina Pisu, che con la grande fotografa ha firmato per Einaudi il libro biografico Mi prendo il mondo ovunque sia. Un dialogo su fotografia e impegno civile, guidato da Mariolina Cosseddu.
 
Ultimo appuntamento del venerdì in piazza Barigadu alle 22,00, quando Monica Demuru porta in scena Bellas Mariposas, delicato e prezioso racconto postumo di Sergio Atzeni che ha contribuito a fissare la Sardegna urbana e contemporanea nell’immaginario letterario. 

  • Sabato 27

 
Il sabato di Licanìas (27 agosto) si apre con una mattinata di approfondimento dedicata a Grazia Deledda e Salvatore Satta. Alle 10,00 appuntamento a Casa Cultura con Rossana Dedola, che al premio Nobel di Nuoro ha dedicato grande parte della sua produzione, tra cui il più recente Grazia Deledda. Lettere e cartoline in viaggio per l’Europa (Il Maestrale); e Franca Carboni, autrice di Grazia Deledda e il lettino dello psicanalista (Sardinia4D). Dialoga con le autrici la direttrice di Spazio Ilisso Vanna Fois.
 
Alle 11,30 appuntamento invece con Angela Guiso, prolifica studiosa dell’autore de Il giorno del giudizio con due volumi pubblicati per Ilisso e Il Mulino, e Rita Giuliani, che parlerà del libro di Laura Boschian La mia vita con Salvatore Satta.
 
Si riparte poi al pomeriggio con due incontri in Largo Margherita: alle 17,oo tocca a Beppe Sebaste, scrittore e poeta autore per Neri Pozza di Una vita dolce, in conversazione con Mauro Portello. Alle 19,00 è il momento di Paolo Nori con il suo Sanguina ancora, testo fortunatissimo rilasciato per Mondadori, finalista dell’ultima edizione del Premio Campiello. Un libro che prende la forma della biografia informale, il racconto dell’incredibile vita di Fëdor Dostoevskij.
 
Alle 22,00 chiusura di giornata in musica con uno dei concerti più attesi dell’estate, in collaborazione con il festival Dromos. In piazza Barigadu protagonista Alex Britti, virtuoso chitarrista prestato alla canzone d’autore, che arriva in Sardegna con il suo Mojo Tour. Insieme a lui Giulio Rocca alla batteria, Emanuele Brignola al basso, Michele Papadia all’organo hammond, pianoforte e tastiere. Special guest della serata uno dei più importanti e talentuosi trombettisti jazz italiani: Flavio Boltro

  • Domenica 28

 
Fitta di incontri anche la giornata conclusiva del festival, quella di domenica 28 agosto, che si apre a Casa Cultura all’insegna dei temi di più stretta attualità. Si comincia alle 10,00, quando Costantina Fadda incontra Paola Villani, autrice di PerdutaMente. Vecchiaia e declino cognitivo tra scienza e letteratura (Franco Angeli); e si prosegue alle 11,30, con il dialogo tra Umberto Cocco e Lidia Decandia, con il suo Territori in trasformazione. Il caso dell’Alta Gallura (Donzelli).
 
Gli appuntamenti del pomeriggio, come sempre in Largo Margherita, si aprono invece alle 16,30, con la scrittrice e docente spagnola Maria Rosal Nadales, che parlerà del suo ultimo libro Geometria delle ombre (NOR EDIZIONI) insieme a Mercedes Arriaga Flores. A seguire tocca a Christian Raimo, insegnante e scrittore, tra gli intellettuali più attivi e provocatori del nostro tempo, autore per Chiarelettere di una riflessione sulla capitale d’Italia dal titolo Roma non è eterna. Vita, morte a bellezza di una città. A guidare la conversazione sarà il coordinatore di Casa Cultura Giancarlo Zoccheddu.
 
Ultime tappe poi in piazza Italia, con l’anteprima, alle 19,30, di Wine, Fregula e Cassola, la rassegna di cibo, vino e narrazioni in programma ormai da anni nell’autunno neonelese. Protagonista Emilio Casalini, conduttore su Rai3 di Generazione Bellezza, il programma dedicato ai borghi italiani e alla valorizzazione dei territori più marginali, attraverso le bellezze e le tipicità, anche enogastronomiche. In dialogo con lui il giornalista del Gambero Rosso Giuseppe Carrus.
 
L’edizione 2022 di Licanìas si chiude infine alle 22,00, con i cantadores Bruno Agus e Salvatore Scanu impegnati in una gara di poesia, con l’accompagnamento del Tenore S’Angelu di Neoneli

  • Licanìas per i bambini

 
Ma Licanìas è come sempre un luogo fertile anche per i più piccoli, grazie a una serie di incontri e laboratori dedicati ai bambini e alle bambine. Venerdì 26 agosto, dalle 16,30 nel cortile di Casa Cultura, Valeria Sanna conduce FILOSOFIACOIBAMBINI, l’omonimo progetto nato a Pesaro nel 2008 e cresciuto nel corso degli anni in tutta Italia, che ha sviluppato un metodo originale di divulgazione diventato ormai oggetto di studio. Alle 20,00 in piazza Italia protagonista invece Pietro Olla e il suo spettacolo di animazione Prof. Pietrosky e il coniglio nel cappello. Lo stesso Olla sarà in scena anche sabato 27 agosto a partire dalle 18,00 nel cortile di Casa Cultura, stavolta con il laboratorio scientifico didattico interattivo Equilibri impossibili; e alle 19,15 con Site Swap, la giocoleria al servizio dei numeri. In chiusura di festival, domenica 28 agosto, Valeria Sanna replica l’esperienza di FILOSOFIACOIBAMBINI dalle 16,30 a Casa Cultura.
 
Per informazioni: 333 5765304 • 349 8751085. Notizie e approfondimenti nel sito www.licanias.it e alle pagine facebook.com/licaniasfest e www.instagram.com/licaniasfest.
 
Il festival Licanìas 2022 è promosso dal Comune di Neoneli con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport) e della Fondazione di Sardegna, in rete con i festival Cabudanne de sos poetas, Fino a leggermi matto, Forse alla luna, Dromos, e in collaborazione con Unione dei Comuni del Barigadu, Comune di Samugheo, Comune di Ardauli, Comune di Nughedu Santa Vittoria, Comune di Ula Tirso, Istituto Comprensivo di Samugheo, Istituto Superiore “Mariano IV d’Arborea” – sede di Ghilarza, Sistema Bibliotecario del Barigadu, Sistema Bibliotecario Città Territorio, Casa Cultura – Biblioteca Comunale di Neoneli, Consulta Giovanile di Neoneli, Centro Servizi Culturali U.N.L.A. – Macomer, Casa Reclusione di Oristano, Casa libreria Emmepi – Macomer, Libreria Chiara & Stefy – Ghilarza, Ilisso Editore, B&B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.