CORSA ALL’ANELLO DI OSILO IL 12 AGOSTO: UNA DELLE MANIFESTAZIONI EQUESTRI PIU’ IMPORTANTI DELLA SARDEGNA

di ANTONIO STRINNA

Ogni anno, il 12 di agosto, Osilo ritorna a vivere una delle sue più antiche tradizioni: la corsa all’anello.  La manifestazione si svolge lungo la via principale del paese, via Roma, per gli osilesi ‘Sa ia manna’. Un percorso di circa 100 metri cosparso per l’occasione di uno spesso manto sabbioso, straordinariamente vitale e affollato come accade soltanto nelle grandi occasioni, gremito soprattutto di turisti, motivo per cui il paese si veste orgogliosamente a festa.

Si tratta di una prova equestre – La corsa all’anello – che richiede più di una capacità, molta precisione e altrettanta velocità di esecuzione, oltre che una grande padronanza nel cavalcare il proprio cavallo, insomma occorre essere prima di tutto un bravo cavaliere; per questo non può certo fare a meno di un cavallo agile e rapido nella corsa, con il quale è in perfetta sintonia. Alla gara si partecipa necessariamente indossando il costume sardo. L’abilità del cavaliere sta nel centrare il maggior numero possibile di cuori metallici (detti anelli) con uno spadino di legno, che deve rimanere inserito nel centro, perché se cade a terra dopo averlo centrato non viene considerato un centro valido. E’ dunque necessaria una grande fermezza nell’impugnare lo spadino di legno, tanta destrezza e un occhio preciso per centrare gli anelli. Disposti lungo il percorso, distanti fra loro una quarantina metri, sono tre. La loro altezza dal suolo è di 2,60 metri. Oltre al numero dei centri, in caso di pareggio, viene considerato anche il tempo impiegato. In ogni caso, il tempo massimo previsto per ogni prova, pena l’invalidità dell’eventuale centro, è di 9 secondi. In altre giostre equestri, come ad esempio la Sartiglia di Oristano, la stella va invece infilzata con la spada o lo stocco.

Le prove sono sette per ogni cavaliere. Quello che centrerà più cuori nel minor tempo possibile si aggiudicherà la gara e un premio in denaro. Quest’anno la Corsa è dotata di un Montepremi complessivo di €. 5.500,00 circa.

La “Corsa all’anello” è organizzata dall’Assessorato al Turismo del Comune di Osilo col patrocinio della Fondazione di Sardegna, dell’Assessorato regionale al Turismo e della Presidenza del Consiglio Regionale.

Si ricorda che con la Corsa all’anello Osilo è entrata a far parte della Rete Europea delle manifestazioni equestri, accanto a Oristano, Croazia e Grecia. Si tratta di un risultato recente, non arrivato per caso, ma grazie alla determinazione dell’Amministrazione comunale; in particolare, dal sindaco Giovanni Ligios e dall’assessora al turismo e alla cultura Patrizia Puggioni. Della Rete Europea delle manifestazioni equestri fanno parte, oltre ad Osilo, anche Sulmona (Abruzzo), Sinj e Barban (Croazia), Zante (Grecia) e Oristano (Sardegna). Attraverso questa rete sarà possibile attivare collaborazioni, scambi culturali, gemellaggi, con l’obiettivo di promuovere le tradizioni equestri.

“Il nostro scopo è quello di valorizzare, anche a livello internazionale, la nostra Corsa all’anello  e quindi anche Osilo, con tutte le risorse presenti nel territorio” ha spiegato l’assessora alla cultura e al turismo Patrizia Puggioni. “Così da favorire la crescita sociale e insieme lo sviluppo culturale del paese”.

Prima ancora di questo traguardo è stato realizzato un “Patto di amicizia” con il comune di Narni. Nel 2019 un cavaliere di questo Comune ha partecipato alla Corsa all’anello di Osilo, nella quale ha conquistato il terzo posto. 

“Far parte della Rete Europea delle manifestazioni equestri è il giusto riconoscimento”, ha detto il sindaco di Osilo “per i tanti sforzi compiuti, che durano ormai da anni, sforzi dedicati alla cultura e alle tradizioni popolari. Questo risultato ci è di conforto nel perseguire l’affermazione dei valori e dello spirito della nostra comunità”. 

La manifestazione, alla quale parteciperanno oltre 50 cavalieri, si svolgerà venerdì 12 agosto con inizio alle ore 18.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.