SASSARI CORSARA ESPUGNA IL PARQUET DI BRESCIA (85-89) PORTANDO LA SFIDA SULL’1-1. ORA DUE GARE IN SARDEGNA PER SOGNARE LA SEMIFINALE SCUDETTO

Robinson

La Dinamo Banco di Sardegna gioca una Gara 2 monumentale e porta la serie in parità: i giganti tornano in Sardegna sull’1-1 con la carica di una vittoria incredibile

Serviva una partita perfetta e la Dinamo è andata oltre le difficoltà centrando l’obiettivo: con una Gara 2 monumentale i giganti portano la serie in parità e la allungano fino a Gara 4. Dopo un primo tempo simile a quello visto lunedì, con difficoltà a trovare continuità offensiva e tanti problemi di falli, gli uomini di coach Piero Bucchi invertono l’inerzia nel secondo tempo, condotti dalla grinta di Gerald Robinson e dalla classe del professor David Logan. Gli uomini di Bucchi si portano fino a +14 ma soprattutto ricacciano indietro Brescia quando, trascinata da Mitou-Long, si riporta da -10 a -2.

Spirito di sacrificio, grinta e caparbia: la Dinamo firma una vittoria alla sua maniera e si prepara a tornare nelle mura amiche: perché adesso in Sardegna ci saranno due sfide e il pubblico del palaSerradimigni a fare da sesto uomo.

A quarantotto ore dalla battaglia di Gara 1, chiusa 104-97 in favore dei padroni di casa, si torna in campo al PalaLeonessa: la Dinamo si presenta con l’obiettivo di allungare la serie e fare rientro in Sardegna sull’1-1. Per farli Jack Devecchi e compagni sanno che dovranno difendere duro sui lombardi, in un momento di grande spolvero, concedendo meno agli avversari.

Dinamo in campo con il classico quintetto con Robinson, Kruslin, Burnell, Bendzius e Bilan, Brescia risponde con Mitrou-Long, Della Valle, Petrucelli, Gabriel e Burns. La Germani apre le danze con Petrucelli dall’arco, la Dinamo infila i primi punti con Bendzius in lunetta: tanti falli nei primi 3’. La seconda infrazione sanzionata a Bilan costringe coach Bucchi al cambio e i padroni di casa siglano il +7 (10-3). Buon impatto di Diop sul match, la Leonessa però non sbaglia dall’arco e continua la sua corsa: Bendzius chiude il contropiede e scrive il -4 (13-9). Folata dei padroni di casa che con Petrucelli, Della Valle e Cobbins si portano in vantaggio in doppia cifra (22-13). Chiama timeout coach Bucchi e al ritorno sul parquet Logan accorcia, alla prima sirena il tabellone dice 24-15. La Dinamo entra bene nel secondo quarto con Bendzius, il primo a portarsi in doppia cifra, Burnell e Diop: I sassaresi risalgono fino a -1 con Gentile (28-27), ma la partita si gioca anche sulle energie nervose: fallo e tecnico per proteste a SteGent, costretto alla panchina, secondo fallo sanzionato anche a Diop e antisportivo sanzionato a Burnell. Brescia ringrazia e allunga sul 33-29. Mitrou-Long firma un minibreak di 5 punti e coach Piero Bucchi ci vuole parlare su (38-29): la reazione isolana non si fa attendere con Bilan e Robinson, che infila i primi punti della sua partita a cronometro fermo. La coppia Mitrou-Long-Della Valle sigla il +10, Burnell accorcia dalla lunetta e la tripla di Robinson a suonare la carica. Benji fa 2 su 3 a cronometro fermo e monetizza il secondo fallo di Cobbins: il primo tempo si chiude 45-41 con la Dinamo che si aggiudica il quarto con un break di 21-26.

Il Banco entra nel secondo tempo con la faccia e la grinta giusta: apre le danze Eimantas Bendzius, Bilan a cronometro fermo accorcia ancora e la schiacciata di Benji esalta tutta la panchina sassarese. La Dinamo però non è sazia: a entrare definitivamente in partita è Gerald Robinson prima con una delle sue giocate al ferro del sorpasso poi con la bomba che convince coach Magro al timeout (50-54). Gli uomini di coach Bucchi allungano il break fino a 11-0 con l’asse croato Bilan-Kruslin. Il 2+1 di Petrucelli sblocca i padroni di casa ma ormai il Banco si è acceso: nuovo mini break di 7 punti e +10 isolano. I giganti firmano un terzo quarto da 12-26 con un sontuoso 8/8 dalla lunetta: alla terza sirena il tabellone dice 57-67. Quintetto operaio del Banco in avvio di ultima frazione con Gentile, Logan, Devecchi, Treier e Diop: Gentile punisce dai 6.75, Brescia prova ad accorciare con Brown e MitrouLong ma a salire in cattedra è David Logan che firma il +14 (59-73).  Il Professore mostra la sua classe sconfinata ricacciando indietro i padroni di casa che si affidano a Brown. Tripla di Logan, canestro di Robinson ed è ancora +14. Botta e risposta tra Petrucelli e Logan, la schiacciata di Gabriel accorcia il vantaggio isolano sotto la doppia cifra. Timeout dinamo 75-84 a poco meno di 3’ dalla fine. I padroni di casa però non sono domi: Nazareth Mitrou-Long conduce in solitaria la rimonta con due bombe e il canestro in allontanamento che riporta i suoi da -10 a -2. Logan fa 1 su 2 ai liberi, poi Burnell firma la giocata chiave con canestro and one su fallo di Mitrou-Long che con 39’’ sul cronometro dice 85-89. Brescia non trova il canestro, la schiacciata di Bilan firma il +6 a 9’’ dalla fine. Nell’azione finale la rubata di Bendzius consegna la vittoria al Banco che con una Gara 2 clamorosa porta la serie in parità e la allunga fino a Gara 4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.