LA 34ESIMA ASSEMBLEA GENERALE DEL CIRCOLO SARDO DI MELBOURNE IN AUSTRALIA: QUALE FUTURO PER L’ASSOCIAZIONISMO DEGLI EMIGRATI SARDI?

Da sinistra, Giuseppina e Fausto Zanda & Paolo e Luisa Lostia

di PAOLO LOSTIA

Si è svolta la 34esima Assemblea Generale Annuale della SCA, presso il Centro Assisi, dove l’Associazione ha la sua sede a Melbourne. Molto gradita la partecipazione di Fausto Zanda – Consultore e Coordinatore dei Circoli Sardi in Australia, e da lungo tempo Presidente del Queensland Sardinian Culture Club (Ulisse Usai) di Brisbane con la moglie Giuseppina. L’affluenza dei soci, anche a causa delle persistenti restrizioni da Covid 19, è stata limitata.

Nella mia relazione, ho espresso le perplessità sul momento che stiamo vivendo come collettività, mettendo in archivio un 2021 notevolmente sottotono.  Le attività sociali si sono ridotte al lumicino, così come i momenti ricreativi, da sempre fiore all’occhiello della SCA.

Alla fine, con fatica, si è potuto svolgere la giornata de “Sa die de sa Sardigna” a fine anno e l’attività di vendita del libro di ricette “Terra Sarda”. Così come la mostra fotografica “Album di Sardinia”.

Sotto il profile mediatico abbiamo messo a punto il sito internet “Sardi Melbourne” e la pagina facebook “Sardinians in Australia.

Nel dialogo con le istituzioni, fa progressi lo scambio di idee e attività con la Fondazione/Trust Melbourne/Marcellin College & Cagliari/Convitto Nazionale Scambio Studenti.

I nostri incontri si sono prevalentemente svolti da remoto per mezzo della piattaforma Zoom. Solo così il Direttivo si è potuto confrontare e proseguire il suo cammino all’interno dell’Associazione.

Mi preme ringraziare tutti colori che hanno apportato un contributo notevole alla realizzazione degli eventi. In particolare oltre al Direttivo, menziono i soci esterni come Gino Cavallo, Paola Steri e Jennifer Curcio.

Un ringraziamento va inoltrato ad Angelo Ledda, ex Presidente Fondatore che è uscito dal Direttivo della SCA.

Nel suo intervento Fausto Zanda ha evidenziato le difficoltà nei rapporti con la Regione Sardegna, dovute dagli iter burocratici dell’Assessorato del Lavoro e al pericolo che molte associazioni si ritrovano nell’impossibilità di programmare il proprio futuro a causa del mancato ricambio generazionale.

Anche la SCA ha il serio interrogativo rivolto al suo futuro. Temi emersi nella riunione di Progettazione di fine 2021, giunta dopo due anni vissuti nell’incertezza più assoluta a causa della pandemia che ha creato l’impossibiltà alla frequentazione dei soci.

Anche la SCA ha il problema notevole del ricambio generazionale. E questo nonostante il sostegno delle istituzioni sarde, che dall’isola avallano I nostri progetti. Il dibattito si è concentrate principalmente su questo aspetto.

4 pensieri riguardo “LA 34ESIMA ASSEMBLEA GENERALE DEL CIRCOLO SARDO DI MELBOURNE IN AUSTRALIA: QUALE FUTURO PER L’ASSOCIAZIONISMO DEGLI EMIGRATI SARDI?”

  1. Auguri e ancora tante iniziative per divulgare la cultura e la natura della Sardegna in un mondo lontano che io ho sempre definito una “grande Sardegna”. l’Australia!!!

  2. Augurios a totu sos Sardos deAustralia, a Fausto Zanda chi ddos rapresentat, a totu sos amigos e, si permitides, mescamente a sos de erentzia lussurzesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.