ALLA STAZIONE ZACHODNIA DI VARSAVIA: IL CONCRETO SOSTEGNO VERSO I PROFUGHI UCRAINI DEI SARDI DEL CIRCOLO “SHARDANA” IN POLONIA


Giovanni Peralta, Armando Ruda con Alberto Defraia, Presidente del circolo “Shardana” di Varsavia

di ALBERTO DEFRAIA

Ieri notte alla stazione di Zachodnia a Varsavia, la situazione era abbastanza tranquilla, comunque l’aiuto era necessario. Abbiamo aiutato diverse famiglie e donne sole in arrivo ed in partenza, come sapete soprattutto mamme con figli e valigie che hanno difficoltà con gli spostamenti da un semplice binario ad un altro oppure nel raggiungere altri mezzi di trasporto. Purtroppo in quella stazione non ci sono ascensori quindi potete immaginare cosa significa muoversi con passeggini, figli tenuti per mano e bagagli da trasportare.  Molte persone ci chiedevano semplici informazioni circa gli orari dei treni, binari e come raggiungere la vicina stazione dei bus dove i volontari hanno allestito punti informativi e di ristoro… Purtroppo molti non sanno leggere le informazioni con caratteri occidentali e pertanto richiedevano le informazioni direttamente a noi a voce. È stato molto bello vedere i tanti volontari che si stanno attivando e danno tutto l’aiuto che possono, c’erano anche diversi soldati, vigili del fuoco e polizia che non erano lì solo per guardare e vigilare, ma davano anche loro aiuto a queste famiglie disperate. Abbiamo incontrato una signora ucraina che doveva andare a Mińsk dove aveva trovato alloggio temporaneo il suo bus partiva alle 23, ma purtroppo i posti disponibili alla biglietteria erano finiti ed avrebbe dovuto dormire alla stazione e prendere il prossimo bus oggi alle 12:00 quindi ci siamo attivati e siamo andati a parlare direttamente con l’autista per vedere se riusciva ad inserirla e alla fine siamo riusciti a farla partire. Vedere il suo sorriso mentre saliva sull’autobus è stato il più bel regalo che potevamo ricevere In questo bruttissimo e triste momento per l’umanità abbiamo visto negli occhi di queste donne a parte il dolore anche un po’ di gioia perché finalmente erano in salvo von i loro figli ormai arrivate in una terra amica come la Polonia… Questo e’ veramente toccante. Ovviamente quando capivano che eravamo italiani ci facevano un sorriso ancora più grande

Un commento su “ALLA STAZIONE ZACHODNIA DI VARSAVIA: IL CONCRETO SOSTEGNO VERSO I PROFUGHI UCRAINI DEI SARDI DEL CIRCOLO “SHARDANA” IN POLONIA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.