LE MEMORIE STORICHE TRAMANDATE DA PERFUGAS

Perfugas

di MATTEO COILADU

Due poesie in Sardo Logudorese più il proverbio in lingua Gallurese. Un omaggio al mio paese  d’origine Perfugas in provincia di Sassari. La persona che me le ha insegnate era un vecchietto deceduto nel lontano 2007 di nome Pietro Sechi. Questi poemi nelle feste paesane dei primi del novecento erano interpretate dal poeta Francesco Piga noto Tziu Cicciu Piga

SU GIOVANEDDU

Este unu giovaneddu benistante

eccode inoghe sa fotografia

sos osserva bene sa fisionomia

la sa tenne presente in cussu istante

este unu pagu a mie assimizzante

fizzu de babbu meu e mamma mea

osservalu a soiada e a su visu

este che a mie uguale e precisu

A SA SANTA

Pro rendere a sa Santa onore e gloria

a cantare cun beni chi mi proe

dae su noighentu deghennoe

fia se noe sbaglia sa mia memoria

ajò chena torrare finza oe

a custa festa de SANTA ITTORIA

s’anno cun s’anna

e cun nieddu fia e oe

cun pulina in cumpagnia

DEL POETA CIUCCIU PIGA

PROVERBIO

Se t’impari a graminà

lana bianca e niedda hai di piddà

una stedda a jana chena tuccà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.