SASSARI SUBITO FUORI DALLA “FINAL EIGHT” DI COPPA ITALIA CONTRO MILANO: LA DINAMO REGGE UN TEMPO E CROLLA ALLA DISTANZA PER 88-68

Diop

Senza Bendzius e con Robinson al 20%, la Dinamo tiene botta un tempo e poi paga i conti al post Covid e alla forza di Milano, che chiude 88-68 con uno strepitoso Malcolm Delaney. Non giudicabile la prova dei ragazzi di Bucchi che comunque dimostrano i segnali visti con Brindisi dal punto di vista del gruppo e dell’identità. Si può avere il bicchiere mezzo pieno anche in una serata difficile e con l’eliminazione ai quarti di finale.

LA PARTITA Quarto di finale delle Final Eight 2022 a Pesaro con la Dinamo che tenta l’impresa impossibile contro l’AX Milano di Messina. Bucchi, alla 10^ presenza in questa manifestazione che ha vinto due volte come il Banco, deve rinunciare a Bendzius rimasto a Sassari e ha Robinson al limite, mentre nel turnover Messina lascia fuori Kell, Tarczewski e Grant a cui preferisce Daniels

BUCCHI lancia subito Treier in quintetto per sopperire all’assenza del lituano (con il coach bolognese viaggiava a 17.5 punti, 6.5 rbs e il 55% da 3p, mentre l’Olimpia), Messina inizia con il quintetto dei senatori con Daniels da specialista. L’Olimpia ha un impatto pazzesco, 6/6 dal campo (3/3 da 3 punti di Daniels), 18-6 in poco più di 3 minuti, la Dinamo sembra barcollare ma non sbanda, Treier (8 punti + 5 rimbalzi al 20’) gioca con personalità, Robinson è in partita, Milano costringe Sassari a stare lontano dall’area ma il Banco risponde con 4/7 e tanto coraggio. Si accende subito Delaney che non sbaglia un colpo, a cavallo tra fine primo quarto (27-18) ed inizio secondo, il playmaker dell’AX (13 punti all’intervallo 5/7 dal campo) confeziona insieme ad Alviti (7 punti in 6 minuti) e ad un antisportivo a Gentile il parziale che porta Milano avanti sul 36-23. Dopo il time out di Bucchi la Dinamo che fa una fatica terribile dentro l’area (7/20 da due) complice la fisicità dell’Olimpia, riesce a reagire costruendo eccellenti tiri da 3 punti e riuscendo ad avere un Mekowulu da 8 punti, la palla si muove, gli extra pass premiano Logan e sulla sirena di 2° quarto il siluro di Kruslin che vale il -5 al 20’ (42-37)

BREAK DECISIVO quello del 3° quarto per Milano che schiaccia l’acceleratore e non si volta più indietro, la Dinamo non segna per quasi sei minuti e subisce un parziale di 15-0 che chiude di fatto il match con un super Delaney protagonista (24 punti 5 rbs 4 assist 30 di valutazione per il play dell’AX). Il 3/12 dal campo e la difficoltà nel creare gioco anche per meriti dell’Olimpia fanno il resto, Sassari può solo gestire le forze e cercare con l’orgoglio di arrivare in fondo al match.

LOGAN ha ancora voglia e benzina di provarci con un rush dei suoi che ricordano il passato ma è troppo tardi ma soprattutto il Banco non ha frecce, le gambe si piegano, il fiato è corto, Ricci è il protagonista dell’ultimo periodo che non ha storia, Milano chiude 88-68 e sfiderà in semifinale la vincente di Trento – Brescia.

Parziali: 27-18 | 42-37 (15-19) | 65-46 (23-9) | 88-68 (23-22)

MVP: Malcom Delaney con 24 punti con 7/12 dal campo 5 rimbalzi, 4 assist, 30 di valutazione

AX Milano: Delaney 24 (3/6 2p 4/6 3p), Hall 6 (0/2 1/6), Daniels 12 (0/1 4/6), Melli 4 (2/3 0/2 6 rbs), Hines 6 (3/4 6 rbs 15 val), Rodriguez 5 (1/3 1/5), Alviti 9 (2/3 1/3), Ricci 10 (2/4 2/3 6 rbs), Bentil 4 (2/6 0/2), Biligha 3 (1/1), DaTome 5 (1/1 1/2), Baldasso. All.Messina

Dinamo Sassari: Robinson 9 (0/1 2p 3/4 3p), Kruslin 4 (0/1 1/3), Burnell 4 (2/6 0/2 6 rbs), Treier 11 (1/2  3/8 6 rbs), Mekowulu 12 (5/10 2p 5 rbs), Gentile 3 (1/3 0/3), Logan 19 (3/8 3/4  7 rbs), Devecchi, Diop 6 (3/4 2p), Chessa n.e. Gandini n.e. All.Bucchi

NUMERI poco veritieri in un match in cui la Dinamo ha tenuto botta a rimbalzo contro la squadra che ne concede meno in tutto il campionato e 2^ nella speciale graduatoria. Il Banco tira con il 41% da 3 punti ma si è trova sempre l’area sbarrata dalla fisicità dell’Olimpia chiudendo con 15/35 da 2 punti. Solo 5 palle perse per Milano che controlla il gioco e ruota tutti i suoi migliori giocatori, trovando risposte positive da Alviti, Ricci e dalla micidiale capacità di Daniels nel tiro da 3 punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.