AD OLBIA, PER CELEBRARE IL 150ESIMO ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI GRAZIA DELEDDA, IL 26 SETTEMBRE LO SPETTACOLO TEATRALE “CENERE” CON VALENTINA SULAS E JURI DEIDDA

L’Archivio Mario Cervo celebra il 150 anniversario della nascita di Grazia Deledda. La scrittrice che da autodidatta e con il suo talento naturale, accompagnato dall’originalità del suo stile, contribuì a raccontare magistralmente la Sardegna e l’animo profondo della gente del suo tempo.

L’Accademia di Stoccolma le ha conferito il Premio Nobel per la Letteratura, nel 1926, il riconoscimento più prestigioso, ambito da ogni scrittore: prima e unica donna italiana. Grazia Maria Cosima Damiana Deledda, nota semplicemente come Grazia, o in sardo Gràssia, era nata a Nuoro il 28 settembre del 1871, esattamente 150 anni fa.

Con orgoglio ricordiamo l’anniversario di una donna fiera della sua sardità, una donna dalla grande personalità e determinazione che mai recise le radici con la sua amata terra celebrandola nei sui scritti di intellettuale sottile e colta (“ il mio ideale è di sollevare in alto il nome del mio paese, così mal conosciuto e denigrato al di là dei nostri malinconici mari, nelle terre civili”, scrisse nel 1891).

Il 26 settembre nel giardino dell’Archivio presenteremo “Cenere” uno spettacolo di e con Valentina Sulas e Juri Deidda liberamente tratto da Cenere, di Grazia Deledda

Dal romanzo di Grazia Deledda, l’attrice Valentina Sulas e il sassofonista Juri Deidda realizzano uno spettacolo teatrale in cui voce e musica si fondono, addentrandosi nei meandri dei moti dell’animo umano.

Voce e suono, attrice e musicista, parola e suggestioni: ogni elemento concorre a creare un’atmosfera che vuole restituire l’intensità del testo deleddiano, la potenza del realismo dei sentimenti e del legame con la terra delle origini. La classicità e la forza evocativa del sassofono tenore si fondono con la modernità della loop station e dell’effettistica elettronica, costruendo un mondo potentemente radicato nella tradizione isolana, ma dai tratti astratti e assoluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *