UN NUOVO LUTTO TRA LE FILE DEI DIRIGENTI DEI CIRCOLI DELLA F.A.S.I.: È MORTO A 75 ANNI PAOLO CRISTIN, DAL 2010 PRESIDENTE DEL CIRCOLO “SARDEGNA” DI COMO

A Como, 8 aprile 2016. Da sin. Paolo Cristin, Aldo Accardo, Paolo Pulina

di PAOLO PULINA

Galdino Musa (presidente del Circolo di Vercelli), Piero Ledda (ex Presidente del circolo di Parabiago), Luciano Aru (presidente del Circolo di Saronno), Renzo Caddeo (presidente del Circolo di Rivoli), Giuseppe Lai (ex presidente del Circolo di Cesano Boscone), Antonino Carboni (vice presidente del Circolo di Alessandria), Silvia Valletti (vice presidente del Circolo di Oulx), Anna Maria (“colonna” della Segreteria nazionale della F.A.S.I.) e ora Paolo Cristin (presidente del Circolo di Como).  In quest’ultimo anno e mezzo, uno stillicidio di lutti nel novero dei dirigenti dei Circoli della F.A.S.I.!

Cristin era nato nel febbraio 1946 a San Giorgio di Nogaro (in provincia di Udine). Era stato finanziere dal 1965 al 2009 (si era congedato con il grado di Brigadiere Capo). Aveva sposato una sarda originaria di Donori, in provincia di Cagliari, prematuramente scomparsa, dalla quale ha avuto i figli Stefania e Alessandro. Oltre che della moglie sarda era innamoratissimo della Sardegna e, entrato in contatto con il Circolo “Sardegna” di Como, fu ben presto chiamato a impegnarsi come segretario (dal 2000 al 2008), poi come presidente (il suo primo mandato cominciò nel 2010).   

Era stato insignito dell’ordine al merito di Cavaliere della Repubblica Italiana nel dicembre 2016. Con questa onorificenza, si era voluto sottolineare il lavoro di promozione socio-culturale svolto con impegno negli anni dal Circolo di cui Cristin in quel momento era presidente al secondo mandato, portato avanti, negli ultimi tempi, con grande sacrificio (dopo i postumi di una operazione) fino a qualche giorno fa.

La sua prima uscita “fuori casa”, in veste ufficiale come presidente,  era stata a Pavia, il 6 marzo del 2010,  per portare il saluto dei sardi di Como alla seconda tappa del convegno su “Francesca Sanna Sulis (1716-1810): imprenditrice, donna, sarda” organizzato in collaborazione fra i Circoli  sardi di Pavia e di Como, la cui prima tappa si era tenuta  nel novembre 2009 proprio nella città lariana (il testo letto da Cristin è pubblicato nel volume con gli Atti della giornata di studi pavese pubblicati dal Circolo “Logudoro” di Pavia nel dicembre 2010).

Tante sono state le iniziative culturali promosse dal Consiglio Direttivo del Circolo “Sardegna” sotto la direzione di Cristin.

Ne cito alcune, a cominciare da quelle alle quali Cristin mi volle al suo fianco.  

A Como, nel novembre 2012, presso Palazzo Terragni (prestigiosa sede del Comando provinciale della Guardia di Finanza), l’associazione “Famiglia Comasca” e il Circolo “Sardegna” di Como organizzarono la presentazione di due pubblicazioni dell’allora capitano Gerardo Severino, direttore del Museo Storico della Guardia di Finanza, che ricostruiscono le biografie di due uomini della Guardia di Finanza che ebbero un ruolo significativo nella Resistenza antifascista e antinazista nel Comasco. Ecco i titoli dei volumi: “ ‘Il contrabbandiere di uomini’: storia del finanziere Giovanni Gavino Tolis, un eroe del bene a servizio dell’umanità, 1919-1944” (edito da Carlo Delfino, Sassari 2012) e  “Luigi Pirondini – il maresciallo della Guardia di Finanza e la Resistenza antifascista. La vita e gli scritti” (edito da Alessandro Dominioni, Como 2012).

A Como, nell’aprile 2016, il Circolo “Sardegna”, nell’auditorium del Collegio Gallio, organizzò una serata culturale sul tema “Storia della Sardegna nell’Ottocento”, con una relazione magistrale tenuta dal prof. Aldo Accardo, Ordinario di Storia Contemporanea nell’Università degli Studi di Cagliari. Davanti a un pubblico delle grandi occasioni, Accardo svolse per oltre un’ora un discorso nel quale sintetizzò in modo divulgativo i risultati conoscitivi pubblicati nel volume “Scegliere la Patria. Classi dirigenti e Risorgimento in Sardegna”, da lui scritto a quattro mani con il collega Nicola Gabriele (prefazione di Alberto M. Banti, Donzelli editore). Dopo l’applaudita relazione fu proiettato un documentario sulle caratteristiche del Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri 2016 (negli ultimi lustri, con il titolo di “Calendariu Historicu se s’Arma de sos Carabineris”, è stata realizzata un’edizione annuale con testi in lingua sarda a cura di Luciano Carta e di Maurizio Virdis).

Negli archivi dei giornali dell’emigrazione trovo le seguenti altre significative iniziative culturali.

A Como, nel novembre 2011, nella splendida cornice di Villa Olmo sulle sponde del lago, il  Circolo “Sardegna” organizzò la presentazione del libro “Il futuro sospeso” di Ottavio Olita (Cuec edizioni). Il romanzo è autobiografico: il protagonista, quando scopre di essere affetto da un tumore, vede davanti a sé la buia prospettiva di un “futuro sospeso” (di qui la ragione del titolo).

Nei giorni 24 e 25 febbraio 2015 il Circolo di Como, in collaborazione con l’associazione “Carducci” ed il Polo Territoriale di Como del Politecnico Universitario di Milano, in due distinte sedi comasche, organizzò, con l’aiuto della nuova tecnologia, una conferenza incentrata su “I Giganti di Mont’ ’e Prama, la loro storia e le nuove scoperte”. Le relazioni furono tenute dal prof. Raimondo Zucca dell’Università di Sassari e dal prof. Gaetano Ranieri, dell’Università di Cagliari.

Nel giugno 2016, il Circolo “Sardegna” di Como ha voluto ricordare (a quaranta anni dalla morte) il prof. Giuseppe Brotzu, un grande scienziato che nel 1945 è stato lo scopritore delle cefalosporine, potente antibiotico ancora oggi sostanza fondamentale nella lotta a tante malattie. Brotzu fu anche Presidente della Regione Sardegna e importante sindaco della città di Cagliari. L’incontro si è tenuto nel salone di rappresentanza del Collegio Gallio. Relatori principali il figlio dell’illustre scienziato, Giovanni Brotzu, anch’egli medico, e il dottor Antonio Paddeu, pneumologo ospedaliero. Moderatore dell’incontro fu il giornalista Ottavio Olita.

Addio Paolo, che la terra ti sia lieve!  Sentite condoglianze ai familiari, ai parenti e ai Soci del Circolo “Sardegna” di Como, anche a nome della F.A.S.I. e del Circolo culturale sardo “Logudoro” di Pavia.

27 pensieri riguardo “UN NUOVO LUTTO TRA LE FILE DEI DIRIGENTI DEI CIRCOLI DELLA F.A.S.I.: È MORTO A 75 ANNI PAOLO CRISTIN, DAL 2010 PRESIDENTE DEL CIRCOLO “SARDEGNA” DI COMO”

  1. Faccio le Condoglianze alla famiglia di Paolo Cristin e à tutti coloro, Sardi che hanno partecipato alla vità dei Circoli e agli Amici della SARDEGNA che si sono avvicinati ,dando un attivo contributo . Allo sviluppo di tutta la vita di fratellanza. ciao Paolo.

  2. Il circolo dei sardi “Domo Nostra” di Cesano Boscone, porge le più sentite condoglianze ai familiari e a tutti i soci del circolo di Como

  3. Addolorati porgiamo le più sentite condoglianze alla famiglia e a tutti i componenti del direttivo del circolo
    “Sardegna “di Como, e che riposi in
    Pace il presidente Paolo Cristin.

  4. Grazie a Paolo Pulina che ha sempre un pensiero per il mio caro papà Ledda Piero e per tutti i responsabili dei Circoli di Sardegna che prima di lasciare questa terra hanno contribuito a divulgare la cultura Sarda.
    Che la terra sia lieve a questi grandi uomini 🙏🏻

  5. Caro Pulina, grazie di cuore per aver citato anche me, nel commosso ricordo del buon Paolo, un vero “figlio di Sardegna”, pur avendo avuto altre origini. Ci mancheranno molto i suoi modi gentili, il suo incondizionato amore per la Sardegna, la sua non comune signorilità. Che Iddio lo abbia in gloria…
    Ten. Col. Gerardo Severino, direttore del Museo storico della Guardia di Finanza

Rispondi a Beatrice Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.