OMAGGIO ALLA DELEDDA RIVOLUZIONARIA NEL 150ESIMO DALLA NASCITA: IL FILM DI CECILIA MANGINI APRE LE CELEBRAZIONI DELL’ISRE DI NUORO

Grazia Deledda

Nell’anno del 150esimo anniversario dalla nascita di Grazia Deledda, l’Isre celebre la scrittrice premio Nobel nuorese con un primo evento: si tratta della première del film “Grazia Deledda la rivoluzionaria” di Cecilia Mangini, che verrà trasmesso durante il Festival IsReal, in calendario a Nuoro dal 25 al 30 maggio. Il programma delle celebrazioni dell’Istituto etnografico regionale, l’ente custode della Casa Museo dove il Premio Nobel nacque, sarà molto articolato: a partire da giugno sono previste una serie di iniziative tutte orientate ad esaltare la figura della donna. In particolare l’Isre proporrà “Le giornate deleddiane”, convegni, incontri e approfondimenti in lingua italiana e sarda che abbiano come focus l’universo femminile nelle opere di Grazia Deledda, e che vedono coinvolti esperti di università sarde, nazionali e straniere, intellettuali ed esponenti del mondo della cultura, docenti e studenti. “Siamo fieri di aver steso un programma complesso e articolato che rende omaggio a una grande scrittrice – spiega Stefania Masala, commissaria dell’Isre – Grazia Deledda è stata la più importante scrittrice italiana di sempre (unica donna italiana a ricevere il Nobel, ndr). La celebrazione non vuole solo essere il momento del ricordo e dell’omaggio, ma soprattutto vuole esaltare la donna, il suo spirito avanguardistico e al tempo stesso tradizionale, l’animo orgoglioso e battagliero, la sua tenacia e granitica resistenza alle avversità”. Al momento celebrativo partecipa anche la Regione Sardegna. “L’isola è orgogliosa e fiera di ricordare l’anniversario della nascita di Grazia Deledda, che ha saputo narrare l’anima profonda dell’Isola e del suo popolo – sottolinea il governatore Christian Solinas – Volle sfidare i denigratori della sua terra e con il suo talento naturale, contribuì a raccontare la Sardegna del suo tempo. Tanto da imporsi all’attenzione della Fondazione Nobel, ottenendo il più alto riconoscimento letterario mondiale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *