LE ORIGINI SARDE DEL PRESIDENTE: GIUSEPPE SARAGAT ERA FIGLIO DI UN AVVOCATO DI SANLURI

Giuseppe Saragat

di MARCELLO ATZENI

Tutti sanno che la Sardegna ha avuto, in passato, due presidenti della Repubblica: Antonio Segni da Sassari e Francesco Cossiga, anch’egli sassarese, ma con origini a Siligo. Ma chi è a conoscenza che un altro presidente avesse  origini isolane? Giuseppe Saragat, socialdemocratico, in carica dal 1964 (eletto il 28 dicembre) sino al 1971 era figlio di un avvocato sanlurese, Giovanni, nato nell’ex capoluogo del Medio Campidano, il 14 novembre del 1855. La sua casa, oggi molto diversa, si trova a fianco del Monte Granatico, al numero due di via Orsini, che sbocca in piazza Castello. Giovanni, figlio di Pietro Saragato (cognome che a Tempio è così registrato, ma all’ anagrafe di Sanluri, la o viene modificata in u) e di Maria Efisia Garau, figlia di Luigi, grosso proprietario terriero con un’azienda modello, forse la migliore in Sardegna all’epoca. Tra le altre cose, Garau  fu anche allevatore di bachi da seta.  Giovanni, dopo gli studi tra il paese natale Tempio e Cagliari, era un dettorino, per un acceso  diverbio con un insegnante, lascia  il liceo cagliaritano  e consegue la maturità classica  a Forlì. Rientra in Sardegna e nel capoluogo s’iscrive in Giurisprudenza. Si laurea nel 1875, ad appena vent’anni.  Nel 1880 si sposta a Torino per esercitare la professione d’avvocato. Oltre che ottimo professionista, è un buon umorista e firma, i suoi pezzi con lo pseudonimo di Toga-Rasa, anagramma di Saragato.  Scrive novelle dedicate alla Sardegna, “Storie intime” e poi “Mondo birbone”, un umorismo leggero in punta di pennino per far sorridere, ma senza essere sarcastico, insomma un’ironia educata. Rientra, spesso in Sardegna e a Sanluri in particolare. Scrive dei reportage, sia su “La Nuova” che su “ L’Unione”.  Nel frattempo si accasa a Torino, con Ernestina Stratta, dal loro matrimonio nasce, il 19 settembre 1898, Giuseppe Efisio Giovanni. Il futuro presidente della repubblica, sino ai 18 anni, amava trascorrere le vacanze estive a Sanluri, ospite di Silvio Meloni, cugino in primo grado di suo padre. Silvio, successivamente sposerà Maria Teresa Spada e avrà una famiglia numerosa. I suoi figli, tuttavia, la maggior parte, passati a miglior vita, non conobbero il presidente.  Giuseppe veniva a Sanluri nella casa dei parenti, che oggi si trova in via Luigi Garau, per i lunghi soggiorni estivi e per stare con sua nonna, Maria Efisia Garau. Probabilmente venne a Sanluri, per l’ultima volta, per presenziare alle sue esequie.    Era orgoglioso di avere le radici in Sardegna. Veniva con piacere in Marmilla, lontano dalla fredda Torino.  Non sono moltissimi  i sardi, che conoscono le origini di Giuseppe Saragat. Comunque,  da qualche anno, a Sanluri  è stato istituito un premio che porta il suo nome.  Lo stesso presidente, una volta eletto, mandò un suo emissario a fare in comune, come ricordò   Biagio Cadeddu, allora sindaco, che abitava proprio nella via Orsini, ovvero la via in cui nacque, Giovanni Saragatu . Nel cimitero cittadino riposano diversi parenti dell’ex inquilino del Quirinale. A partire da suo nonno Pietro, nato Saragato a Tempio e sepolto a Sanluri, come Saragat.

Insomma, da Saragato a Saragatu  a Saragat. E anche questa sarebbe una storia, curiosa, da raccontare.

4 pensieri riguardo “LE ORIGINI SARDE DEL PRESIDENTE: GIUSEPPE SARAGAT ERA FIGLIO DI UN AVVOCATO DI SANLURI”

  1. Ricordo ancora gli anziani di Sanluri quando parlavano dei SARAGAT , che con la parlata nostra Sanlurese diventava SARAGATU,
    La famiglia Saragat fu molto attiva nel propagare il fervore culturale sanlurese del XIX° secolo ;
    Pare siano stati grandi attivisti del famoso “circolo di lettura”, istituzione Sanlurese, che in realtà pare fosse pure una LOGGIA MASSONICA, istituzione del grande fervore culturale del tempo nella cittadina;
    Cesare Saragat (consigliere comunale dal 1902 al 1919) fu pure fra i fondatori della banda musicale assieme a Dott. Cardia Nicola, Virgilio Meloni e Tronci Enrico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *