LA SCONFITTA AMARA DEL CAGLIARI A MILANO CON L’INTER (1-0) CHE HA IL SAPORE ACRE DELLA CONDANNA ALLA SERIE B. ORA LA SPERANZA SALVEZZA E’ RISICATA

il momento del gol di Darmian

Sconfitta esterna per il Cagliari sul campo dell’Inter. Non è bastata ai rossoblù una prova tutto cuore e orgoglio: la squadra di Semplici ha retto bene per più di 75′, pur subendo l’inevitabile pressione da parte dei padroni di casa. Ha deciso un guizzo di Darmian in quella che forse è stata l’unica sbavatura difensiva in una gara attenta e puntuale. La reazione è stata immediata ma purtroppo a quel punto era difficile recuperare lo svantaggio dinanzi ad un’Inter che voleva fortemente l’undicesima vittoria consecutiva.

Il Cagliari si schiera con Vicario in porta, Rugani, Godin e Carboni in difesa, Zappa, Duncan, Marin, Nainggolan e Nandez in mezzo, Joao Pedro e Pavoletti coppia d’attacco.

Inter pericolosa all’11’ con una botta di Eriksen, l’esordiente Vicario è attento. Inter come prevedibile che attacca a pieno organico, il Cagliari però è ben disposto sul campo e non lascia varchi. Mischia in area rossoblù al 22′ su punizione calciata in area da Eriksen, Vicario fa suo il pallone dopo il tentativo di Skriniar, ma comunque c’era anche fallo in attacco. Quindi è Sensi a sfiorare il gol con una conclusione maligna, pallone a lato.

Al 29′ caparbia azione di Sanchez che vince una serie di contrasti al limite dell’area, destro secco, Vicario si distende e blocca a terra.

Al 38′ Lukaku cicca in piena area un assist arretrato di Darmian, si inserisce Eriksen, botta fuori misura.

Il Cagliari si rende pericoloso un minuto dopo: circolazione della palla dalla sinistra con Joao Pedro che chiama in azione Nainggolan, fiondata da venti metri sulla quale Handanovic respinge in qualche modo.

Al 41′ Darmian penetra in area dalla destra, tiro forte respinto da Vicario.

Il primo tempo si chiude a reti bianche.

Nella ripresa iniziano ad aprirsi alcuni spazi per le ripartenze rossoblù. L’Inter va vicina al gol al 55′, spizzata di testa di Lukaku su cross di Brozovic, il pallone sfila a meno di un metro accanto al palo sinistro di Vicario. Pronto e reattivo il portiere rossoblù a mandare in angolo una bordata da fuori di Eriksen. Ancora Vicario sicuro su conclusione radente di Lukaku.

L’Inter intensifica la pressione: su angolo di Eriksen, colpisce De Vrij di testa, il pallone pizzica la parte alta della traversa. Conte inserisce Lautaro Martinez e Hakimi per Sanchez e Young, siamo al 70′.

Nel Cagliari Asamoah rileva Duncan.

Al 77′ l’Inter sblocca il risultato: Lukaku spalle alla porta fa viaggiare Hakimi, cross basso per Darmian che arriva in corsa dalla parte opposta e scaraventa in gol.

Nell’Inter Gagliardini e Vecino sostituiscono Eriksen e Sensi, quindi D’Ambrosio per Darmian.

Cambia anche Semplici: Simeone rileva Rugani.

All’88’ cross di Zappa, stacca Pavoletti, Simeone arriva in ritardo alla deviazione.

Pavoletti si fa vedere prima controllando un difficile pallone in area, tiro murato; quindi svettando su cross di Nainggolan, pallone alto.

Dentro anche Pereiro e Cerri per l’assalto finale, escono Zappa e Pavoletti. Nei 3 minuti di recupero l’Inter riesce a contenere e alla fine si porta a casa i 3 punti.

Un commento su “LA SCONFITTA AMARA DEL CAGLIARI A MILANO CON L’INTER (1-0) CHE HA IL SAPORE ACRE DELLA CONDANNA ALLA SERIE B. ORA LA SPERANZA SALVEZZA E’ RISICATA”

  1. il Torino vince partite fondamentali contro Sassuolo e Udinese, il cagliari perde con Spezia e Verona. La posizione in classifica per quello che si è visto finora è veritiera, purtroppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *