CENA DI SAN SILVESTRO IN UNA COMUNITA’ DI ACCOGLIENZA IN PIEMONTE: CON LA SARDEGNA, E L’ASSOCIAZIONE “GRAMSCI” DI TORINO, NEL SEGNO DELLA SOLIDARIETA’

Matteo Cambuli

Un Capodanno piemontese con i prodotti della Sardegna e nel segno della solidarietà. L’idea di proporre per la comunità di accoglienza gestita dalla cooperativa ‘Strana Idea’ di Torino una cena di fine anno con specialità in arrivo dall’Isola è di Matteo Cambuli, chef dell’Associazione Gramsci, in collaborazione con “Eco dalle città”.

E’ stata una cena vegetariana. Tra le portate c’erano il “Mazzamurru di carasau con crema di zucchine, broccoli, olive e pecorino”, “ratatouille al forno con patata americana, melanzane, zucchine e origano di Ardauli”. “Prediligo un metodo di cottura che preserva i sapori, i colori e le sostanze nutritive – spiega Cambuli – la mia cucina è caratterizzata dall’utilizzo di tante spezie, erbe aromatiche, tecniche culinarie tradizionali e moderne”.

Le materie prime utilizzate arrivano dal tradizionale mercato rionale di corso Svizzera e dal Consorzio Agroalimentare ed erano integrate coi prodotti sardi offerti dal Gas (Gruppo d’Acquisto Solidale) Kent’annos: pane carasau, formaggi, riso e olio provenienti da filiera corta e da produzioni rispettose dei lavoratori e dell’ambiente.

“L’iniziativa si colloca sull’onda dei progetti solidali che l’Associazione Gramsci porta avanti per sostenere le persone in condizione svantaggiosa e vulnerabile”, spiega il presidente Enzo Cugusi. Fondata nel 1968, l’associazione si occupa della promozione dei diritti dei sardi in Piemonte e non solo. “Promuoviamo la Sardegna a 360 gradi, saperi e sapori dell’isola, la solidarietà verso il prossimo che ha bisogno è l’urgenza attuale. Noi che abbiamo elaborato la nostra storia di migranti e la storia del bisogno, siamo, più di altri, sensibili alle richieste di aiuto”, conclude Cugusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *